Indianapolis – Settima pole in dieci gare. Marc Marquez 1'31"619. Il furbo Andrea Dovizioso si mette dietro lo spagnolo e con la sua Ducati Team agguanta un insperato secondo posto, il secondo della stagione, con 225 millesimi di distacco e la soddisfazione di essere il secondo nell'1'31". Solo lui e Marquez. Non male. In prima fila col terzo tempo partirà anche Jorge Lorenzo con la Yamaha Factory a 250 millesimi. Un buon viatico dopo il rinnovo per altri due anni con la Casa di Iwata.
Con un giro d'impeto e d'orgoglio, ma a più di mezzo secondo da Marquez, Valentino Rossi con la sua Yamaha Factory ha rimediato un quinto posto che equivale alla secolnda fila. Il Dottore partirà in mezzo ai fratelli terribili Espargaro: Aleix quarto con la Yamaha Forward a 494 millesimi, Pol sesto con la Yamaha Tech3 a 624.
In evidente difficoltà la Honda Repsol di Dani Pedrosa il quale partirà dalla terza fila con l'ottavo tempo umiliato dall'irresistibile compagno di squadra che lo ha bollato con 712 millesimi di distacco.
In terza fila anche Andrea Iannone, settimo con la Ducati Pramac (+635 millesimi) e Bradley Smith, nono con la Yamaha Tech3 (+724. Il 23enne britannico è incappato purtroppo in un violento high-side proprio negli istanti conclusivi della sessione, procurandosi una ferita alla mano destra, prontamente curata dall’equipe medica del circuito.). In quarta fila Stefan Bradley fantasma del pilota più veloce nelle libere 3, decimo con la Honda LCR a 895 millesimi e i due arrivati dalla Q1 e in Q2 classificati nello stesso ordine: Scott Redding, 11mo con la Honda Gresini a 1"095, davanti a Cal Crutchlow, 12mo con la Ducati Team a 1"175.

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.