Silverstone – Nonha rinunciato neanche al warm up. E perché avrebbe se la mattinata dove dare prestazioni da gara. Marc Marquez ha dato il buongiorno a Silverstone con 2'02"562, crono ritoccato proprio all'ultimo attimo disponibile dell'ultimo giro (il suo nono su nove). Le volitive Yamaha hanno dovuto mettersi in riga. A cominciare dalla Factory di Jorge Lorenzo, seconda a 315 millesimi, a seguire la Tech3 do Pol Espargaro, terza a 562, l'altra Factory di Valentino Rossi, quinta a 585, e la Forward di Aleix Espargaro sesta a 598. Nel pollaio Yamaha al quarto posto lamHonda Repsol di Dani Pedrosa il quale dal compagno di squadra s'è preso 566 millesimi di distacco.
In difficoltà stamane la Ducati Team di Andrea Dovizioso il quale dopo la collezione di secondi posti di venerdì e sabto ha concluso al decimo posto con 1"126 di distacco preceduto da Stefan Bradl, settimo con la Honda LCR a 692 millesimi, Bradley Smith, ottavo con la Yamaha Tech3 a 871 e Alvaro Bautista nono con la Honda Gresini a 1"062. Lo spagnolo è stato protagonista di una caduda senza conseguenze, due volte fuori con entrambi le moto Aleix De Angelis con grande preoccupazione del box Yamaha Forward che devbe lavorare per mettere in funzione almeno una delle due.

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.