Brno – Il 17 porta disgrazia. Alla Ducati ed a Stoner. Il 17 porta sfortuna a chi ci crede. Per la seconda debacle consecutiva dell’australiano campione del mondo c’è una spiegazione di valenza diversa. A Laguna Seca Rossi ha dato un colpo violento alle certezze di Stoner con conseguenze psicologiche che aspettavano il vaglio della gara di oggi. Sul circuito di Brno un terremoto devastante ha sepolto sotto macerie pesanti le speranze di ripresa del campione del mondo in carica.
Partito bene Stoner ha goduto del momentaneo interporsi di Hopkins tra lui e Rossi. Ma il Dottore, che nel warm up aveva ricevuto la modifica richiesta, si è messo dopo un paio di curve dietro al rivale tenendolo davanti poco più di 1 secondo. Stoner ha capito che sarebbe ripetuta la gara di Laguna Seca ed ha forzato. Fatale decisione. La sua gara è durata solo 6 giri. Il suo anelito di riscossa si è fermato in una curva nella quale si è coricato consegnandosi al fallimento. E’ stato costretto al ritiro anche perché la sua Ducati non ne ha voluto sapere di riprendere la strada.
Valentino ha fatto gara a se e pur correndo in riserva ha girato sempre 1 secondo più veloce della concorrenza. Che non c’è in effetti stata.
Se interesse la gara ha fornito è stato per il duello tra Elias e Capirossi che hanno per alcuni giri lottato per il secondo posto fin quando lo spagnolo ha trovato il passo migliore ed ha distanziato l’italiano che comunque ha ritrovato il podio dopo tanto tempo.
Per il resto anestesia totale. Inoculata forse anche alla corsa per il titolo iridato. L’ottavo del Dottore! Costretto Pedrosa alla rinuncia dopo l’incidente in Germania, e qui in condizioni di evidente inferiorità fisico-psicologica, costretto ad incassare la seconda sconfitta consecutiva il “tosto” Stoner, Valentino lascia la Repubblica Ceca con 50 punti di vantaggio sull’australiano e 65 sullo spagnolo. Se lotta ci sarà solo per il secondo posto proprio tra i due polli, spennati dal Dottore e pronti all’infornata definitiva, separati tra loro da 15 punti (Stoner davanti a Pedrosa).
Nelle altre gare successo di Bradl davanti a di Meglio nella 125 (il francese continua a guidare tranquillo la graduatoria iridata), e di Debon nella 250 in volata davanti a Bautista e Simoncelli il quale si consola con la leadership consolidata davanti a Kallio. (ore 15:30)

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.