Shangai  – Via col vento! Protagonista e interprete senza comprimari Valentino Rossi. Sette mesi e mezzo dopo, sette gran premi dopo “ariecco” il Dottore che visita tutti gli avversari e alla fine tira fuori il ricettario e prescrive diagnosi e cura. In sintesi: pensavate d’avermi fatto fuori ed eccomi qui, sappiate che i conti si fanno col sottoscritto.
Edwards mani di forbice ha tagliato ancora una volta tutte le sue possibilità di fare bene. S’è mosso bene in partenza lo statunitense con la Yamaha privata ed ha tenuto botta per quasi un giro all’incalzante Pedrosa vistosamente più veloce di lui con la Honda e poi ha mollato scivolando fino al settimo posto conclusivo. Lo spagnolo ha tentato d’involarsi ma dietro si è scatenato Valentino Rossi che s’è preso 4 giri vacanza-studio prima di infilare con la sua Yamaha il pilota della Honda. Quindi un ininterrotto monologo a suon di giri record che hanno alla fine tagliato le gambe al malcapitato Dani che tradito dal motore, dice lui, ha visto allontanarsi sempre più imprendibile il Dottore che al traguardo gli ha dato 3”890 millesimi.
Casey Stoner che al warm up aveva sparato qualche cartuccia alimentando speranze di successo ha capito subito che contro quei due davanti c’era poco da fare e tiratosi fuori dalla bagarre iniziale ha difeso un onorevole terzo posto che però annega nell’abisso di 15”928 millesimi di distacco dalla Yamaha dominatrice
Spettacolo ed emozioni in testa, spettacolo vero anche alle spalle di Stoner, con un Melandri finalmente competitivo a lottare per punti importanti con lo stoico Lorenzo risalito fino al quarto posto, l’osso duro Dovizioso e Hayden. Alla fine quarto lo spagnolo della Yamaha, quinto Melandri con una Ducati finalmente decifrata, sesto lo statunitense della Honda. Dovizioso che aveva lottato da pari a pari con questo gruppetto per un lungo è scivolato all’undicesimo posto, mentre Capirossi con la Suzuki si è ritagliato un meritato undicesimo posto.
Quattro gare, quattro vincitori diversi (Stoner, Pedrosa, Lorenzo, Rossi). Il Mondiale MotoGP è più aperto che mai. Lorenzo, seppure abbia limitato i danni, ha perso la leadership che passa in mano di Pedrosa che lo precede di 7 punti. Rossi è buon terzo e fa paura, Stoner vede allontanarsi questo terzetto. (ore 10:00)

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.