Motegi – Tanto per calmare i bollenti spiriti australiani e sempre nello svolgimento del tema “testa a testa Rossi-Stoner”. Prime prove libere, Casey vola e sembra imprendibile come in Qatar, Vale prova e riprova al diciottesimo dei suoi giri in pista riesce a fare meglio: 1’48″545 contro 1’48″601 del rivale. Sul podio del Venerdì è salito anche Jorge Lorenzo con la sua Yamaha  che dal compagno di squadra s’è preso 420 millesimi di distacco. In buona evidenza Vermeulen. quarto con la Suzuki, che ha fatto meglio del compagno di squadra Capirossi, sesto, preceduto dalla Yamaha di Edwards, Dovizioso settimo con la Honda, nettamente davanti al compagno di squadra Pedrosa finito undicesimo, e Marco Melandri ottavo con una Kawasaki appena sufficiente. Hayden come l’anno scorso Melandri non riesce a domare la Ducati ed è penoso vederlo girare come un principiante.
Nelle altre classi Marco Simoncelli nella 250 ha festeggiato con il miglior tempo nella prima sessione di libere dopo il forfait del Qatar, girando in 1’53″093 e infliggendo più di sei decimi alla Honda del giapponese Hiroshi Aoyama. Terzo posto per Alvaro Bautista su Aprilia, davanti a Mattia Pasini, ultimo a scendere sotto la barriera dell’1’54. Rispettivamente sesto e decimo Raffaele De Rosa e Roberto Locatelli. Nella 125 il trittico azzurro della mattinata è stato completato da Andrea Iannone su Aprilia (2’00″685). A due decimi Julian Simon, mentre il vincitore del GP Giappone dello scorso anno, Stefan Bradl,  ha concluso al terzo posto.
<<Sono contentissimo del risultato – ha detto Rossi dopo la performance mattutina – perché le condizioni in pista erano dure, ma siamo al top della forma. E’ importante essere davanti, anche se è solo Venerdì , perché in Qatar eravamo sempre secondi e non amiamo stare dietro. Domani potrebbe piovere – ha aggiunto il Dottore – e non abbiamo ancora avuto l’opportunità di testare le nuove gomme, ma potrebbe essere un’ottima occasione per provarle>>.
Ecco i tempi della MotoGP nelle libere 1:
1)  Rossi, Yamaha Factory Racing Team,  1’48″545 
2)  Stoner, Ducati Marlboro Team,  1’48″601
3)  Lorenzo, Yamaha Factory Racing Team,  1’48″965 
4)  Vermeulen, Rizla Suzuki MotoGP,  1’49″382 
5)  Edwards, Tech 3 Yamaha,  1’49″697 
6)  Capirossi, Rizla Suzuki MotoGP,  1’49″980 
7)  Dovizioso, Repsol Honda Team,  1’50″030 
8)  Melandri, Kawasaki Racing Team,  1’50″123 
9)  Elias, Honda Gresini,  1’50″209 
10)  Toseland, Tech 3 Yamaha,  1’50″342 
11)  Pedrosa, Repsol Honda Team,  1’50″391 
12)  Hayden, Ducati Marlboro Team,  1’50″393 
13)  Takahashi, Honda Team Scot Racing,  1’50″404 
14)  Gibernau, Ducati Onde 2000,  1’50″538 
15)  de Angelis,  Honda Gresini,  1’50″601 
16)  de Puniet, Honda LCR,  1’50″669
17)  Kallio, Ducati Pramac Racing,  1’51″643
18)  Canepa, Ducati Pramac Racing,  1’51″929 (08:30 in Italia)

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.