Le Mans – Venerdì nel segno della Spagna di Dani Pedrosa e della sua Honda Repsol.
Il piccolo centauro spagnolo, infatti, è risultato essere il più veloce anche nelle seconde prove libre della giornata fermando il cronometro sull’1’34”227.
Nessuno come lui, ma gli avversari sono tutti vicini. Nelle seconde libere chi ha sfruttato meglio il lavoro del mattino è stato Casey Stoner: l’iridato della Ducati abbassa il suo tempo girando in 1`34”276, a soli 49 millesimi dal rivale spagnolo. Vicinissimo a Pedrosa è anche Colin Edwards, lontano 60 millesimi dal miglior tempo in sella a una Yamaha-Tech 3 migliore delle M1 ufficiali di Jorge Lorenzo e Valentino Rossi che sono fra loro vicini essendo giuntio quarto lo spagnolo e sesto l’italiano.
Lorenzo è stato protagonista nel finale di un’uscita di pista. L’imprevisto senza conseguenze lo ha comunque costretto ad abbandonare il tracciato in barella, per evitare di sforzare troppo le caviglie infortunate.
Male Andrea Dovizioso (Honda-Scot) e Marco Melandri (Ducati ufficiale), rispettivamente tredicesimo e quattordicesimo nella seconda ora di prove libere con ritardi superiori a 1”2. Poco meglio fa Loris Capirossi con la Suzuki: l’emiliano è undicesimo a oltre 1” dal miglior tempo di giornata.
Sabato mattina la MotoGP disputa le ultime prove libere, poi nel pomeriggio (13:55-14:55) scattano le qualifiche ufficiali che decideranno la griglia di partenza del Gran Premio di Francia, quinta prova del Motomondiale 2008.
Questi i tempi nelle prove libere 2:
  1 Pedrosa, Repsol Honda Team  1’34”227 29
  2 Stoner, Ducati Marlboro Team  1’34”276 27
  3 Edwards, Tech 3 Yamaha  1’34”287 27
  4 Lorenzo, Yamaha Factory Racing Team  1’34”487 27
  5 Vermeulen, Rizla Suzuki MotoGP  1’34”630 28
  6 Rossi, Yamaha Factory Racing Team  1’34”959 2

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.