Valencia – Il piatto è servito. L’ultima pole della stagione della MotoGp, 1’32″258,  è di Casey Stoner senza che Pedrosa e Lorenzo potessero fare niente per toglierla all’australiano: i due spagnoli rispettivamente secondo a 261 millesimi e terzo a 279. Il crescendo australiano della Ducati cominciato dalle libere 1 e passato dalle libere 2 si è concretizzato quindi nelle qualifiche sul Ricardo Tomo baciato dal sole ma spazzato dal vento. Il nove volte campione del mondo Valentino Rossi disinteressato alla bagarre ha pur se per onor di firma sottoscritto il quarto tempo a 664 millesimi da Stoner per una seconda fila che condivide insieme con Edwards e Hayden. In terza con de Puniet ed Elias la sorpresa della giornata, tenuto conto che si tratta di un esordio assoluto, è costituita da Ben Spies con la Yamaha M1 fresco arrivo dalla Superbike e del titolo di campione del mondo. L’americano corre come wild card con il suo team Yamaha Sterilgarda e la livrea sfoggiata dalla sua YZR-M1 ha colpito quasi come la sua prestazione cronometrica e comunqueal primo approccio ha fatto meglio di tanti veterani della specialità come Dovizioso (decimo), de Angelis (dodicesimo), Capirossi (tredicesimo e 229ma gara in carriera), Melandri (quindicesimo) e Vermeulen (diciottesimo e ultimo).
Trasformato dopo il suo ritorno in pista, Stoner ha quindi centrato la partenza al palo confermando il suo strepitoso stato di forma. Dopo avere trionfato nelle ultime due gare, l’australiano della Ducati sembra ancora irraggiungibile e assume di diritto il ruolo di grande favorito anche per la gara. Con Rossi già campione, resta da assegnare il secondo posto. Con Lorenzo secondo a quota 245 e davanti a Stoner (220) e Pedrosa (209) il Gran Premio de la Comunitat Valenciana promette scintille. (ore 15:45)
Nella foto, il texano Ben Spies.

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.