Losail – Valentino Rossi quattro anni dopo. L’ultima vittoria del Dottore in Qatar nel 2006 (bis del 2005) poi il trittico di Casey Stoner che sembrava dovesse realizzare il poker, tanta e tale si è dimostrata la superiorità della sua Ducati che appena presa la testa, dopo una bagarre iniziale (partenza non perfetta, quarto dietro a Pedrosa partito a razzo e passato in testa, Rossi e Hayden) , in un paio di giri ha messo dietro Rossi  di 2 secondi. Ma l’australiano ha voluto strafare, forse convinto di potere umiliare con un maxi distacco il rivale di sempre. Alla curva 4 del sesto giro la sua Ducati si è coricata e la sua corsa è finita nella ghiaia. Dall’esaltazione all’umiliazione.
Rossi si è trovato in testa e se l’è dovuta vedere con le Honda, prima quella di Pedrosa, poi con quella di Dovizioso che l’ha impegnato strenuamente a 6 giri dalla fine. Ma a quattro dal termine Vale ha allungato di quel tanto che gli bastava per arrivare tranquillo alla vittoria, 104ma in carriera, anche perché Hayden ha attaccato Dovizioso e della lotta tra i due si è avvantaggiato proprio il Dottore. Sul secondo podio per una doppietta Yamaha è finito Jorge Lorenzo che prima con una rimonta prepotente poi con una gara coraggiosa ha infilato nel finale sia Hayden sia Dovizioso il quale da parte sua superato dall’americano della Ducati gli ha tolto la gioia del terzo posto superandolo d’un soffio in volata sotto lo striscione d’arrivo. Quinto Ben Spies che come esordiente ouò essere soddisfatto del piazzamento, seguito da De Puniet e Pedrosa. Nono Loris Capirossi, al suo 300mo GP. Per l’altro esordiente in MotoGP Marco simoncelli l’undicesimo posto e per il suo compagno di squadra Marco Melandri il 13mo. Ovvero ultimo (com’era partito), perchè della pattuglia dei 17 4 si sono fermati strada facendo.
Meglio di così la stagione 2010 per il Dottore non poteva cominciare: i primi 25 punti della vittoria sono suoi ed ora già pensa alla prossima gara,il 25 aprile a Motegi in Giappone. La sfida con Stoner è appena iniziata. Ma se la Honda continuerà ad essere quella di Dovizioso, se Hayden ha veramente smesso di fare il fantasma e se Lorenzo saprà evitare le dissennate condotte di gara dell’anno scorso (con relative cadute)  la stagione 2010 sarà infuocata, appassionante e incerta in tutte le gare.
MOTO2 – Nella neonata categoria vittoria del giapponese Shoya Tomizawa. Il pilota della Suter ha preceduto al traguardo Alex Debon (Ftr) e Jules e Cluzel (Suter). Quarto posto per Toni Elias davanti a Roberto Rolfo (Suter). Poi Mattia Pasini (Motobi). Ottavo Simone Corsi. Caduta alla terza curva per Alex De Angelis che ha preso un colpo al fondoschiena e pur non avendo riportato nulla di grave si sottoporrà ad accertamenti.
125 – Successo dello spagnolo Nico Terol con l’Aprilia davanti ai connazionali Efrem Vasquez e Marc Marquez entrambi su Derbi. Quarta piazza per l’altro spagnolo Pol Espargaro (Derbi), mentre il tedesco Sandro Cortese è giunto quinto. Male i piloti italiani, con Ravaioli su Lambretta che si e’ ritirato al 14mo giro, Savadori (Aprilia) fuori prima della fine del primo giro e Marconi (Aprilia) che ha chiuso in ultima posizione. (ore 23:22)

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.