Scarperia – Gran Premio d’Italia, Mugello. La MotoGP arriva in Italia con un rapporto di forza tra i quattro piloti più accreditati della categoria riscritto da Jorge Lorenzo con le due vittorie consecutive, e da Casey Stoner con le tre cadute in quattro gare.
Solo undici punti in tre gare, Casey Stoner e la sua Ducati pensavano certamente ad un inizio più redditizio, ma qualcosa non va e bisogna rivedere la situazione. Anche a Le Mans, dopo tre giri Stoner è stato ancora costretto al ritiro e le Yamaha sono andate a prendersi una doppietta.
<<Ho spinto per tutto il fine settimana senza problemi – ha detto l’australiano – non andava solo bene l’uscita di curva, ma la moto ha funzionato bene sempre. Non mi aspettavo proprio di perdere l’anteriore e uscire. Sono deluso perché potevo giocarmi la vittoria con Lorenzo, che era il pilota da battere in Francia>>.
Ora tocca risolvere la soluzione per non buttare via un altro campionato: <<Dobbiamo capire cosa non va – ammette Casey – La stagione si fa complicata, ma dobbiamo guardare avanti e vediamo che succederà nelle prossime due gare a cominciare da questa del Mugello>>.
Che ripropone un duello antico ma allo stesso tempo nuovo. Il Dottore contro Jorge Lorenzo. Guardando al prossimo appuntamento del Mugello, il più giovane tra i due rivali del team Yamaha arriva con una serenità maggiore all’appuntamento con il Gran Premio d’Italia, grazie alle due vittorie di fila. Nove i punti di vantaggio su Valentino, pochi, ma sufficienti per godersi la vita perché mentre Lorenzo qualche margine di errore se lo può concedere, Rossi se dovesse fallire nella corsa di casa perderebbe ancora terreno forse irrimediabilmente.
La lotta interna al team Yamaha ha alzato  il livello della stagione, almeno per i piloti delle case ufficiali. Casey Stoner, Daniel Pedrosa e anche Andrea Dovizioso devono fare un salto in avanti se vogliono arrivare a combattere ad armi pari con i due della Yamaha. Ma non c’è solo questo. Il 2010 si sta caratterizzando come la stagione che può bruciare uomini e mezzi. I due errori dell’australiano della Ducati in altrettante gare lo allontanano dalla lotta per il mondiale. Ma mancano ancora quindici gare, ci sono molti punti che gli avversari di Stoner possono perdere e che il pilota della Ducati può guadagnare.
Il Mugello, storica tappa nel mondo delle moto, può svegliare gli animi dei piloti. Il 6 giugno le colline toscane che ospitano il circuito di proprietà Ferrari aspettano le non solo la riscossa di Rossi, ma anche di Dovizioso, finalmente a suo agio sulla Honda ufficiale. Ma nessuno pensi che Lorenzo, Stoner e Pedrosa se ne staranno a guardare. Anzi. (ore 16:30)

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.