Tavullia – Da Firenze a Tavullia: il guerriero della MotoGP Valentino Rossi ha lasciato il CTO di Firenze fiorentino e nella quiete della sua Tavullia ha cominciato il lungo periodo della completa guarigione. Sì, l’unico pensiero del Dottore è guarire e tornare in pista. Ma senza fretta. Il periodo di riposo forzato servirà al pluricampione del mondo per eliminare completamente il problema alla spalla e per dedicarsi a quelle attività per cui solitamente non ha molto tempo. Migliorare il suo inglese, ad esempio,è un progetto che lo eccita.
Il guerriero ferito e claudicante non ha perso la sua sarcastica loquacità e tranquillizza tutti: <<Il peggio è passato, le due operazioni sono andate benissimo e il decorso è cominciato in modo stupendo. Ora il periodo che mi aspetta sarà difficile soprattutto per il rischio di infezione che mi costringe a tenere la gamba sempre sospesa e in posizione elevata. Poi affronterò un secondo periodo importantissimo quando dovrò cominciare la riabilitazione e finalmente potrò appoggiare il piede a terra per camminare con le stampelle>>.
Riabilitazione, croce e delizia per uno che vorrebbe già essere sulla Yamaha.  Il professor Buzzi del CTO di Careggi ha prospettato sei mesi, Valentino è diverso avviso: <<Buzzi è un ottimo medico e deve essere cauto nelle prognosi. Ma conta molto la mia volontà e io voglio guarire, e guarire in fretta. E’ l’unica cosa che mi interessa. Perdere quattro o sei gare non fa molta differenza. Vorrei poter tornare a Brno, ma sono pronto ad accettare che questo rimarrà solo un mio desiderio>>.
Il novello Vittorio Alfieri abita momentaneamente a Tavullia, provincia di Pesaro e Urbino, regione Marche: Volli, volli, fortissimamente volli… (ore 18:00)