Silverstone – Dal monologo di Pedrosa al Mugello all’assolo di Lorenzo a Silverstone. In Gran Bretagna come in Italia è stata fuga per la vittoria partendo dalla pole. Lo spagnolo della Yamaha dopo un botta e risposta iniziale col connazionale della Honda si è involato irresistibile. Ha girato anche 1 secondo più veloce di qualsiasi altro in pista e solo nel finale ha alzato il ritmo ormai sicuro che non avrebbe corso alcun rischio. Dietro è stata battaglia continua prima tra Melandri e de Puniet, poi tra Hayden e Spies. L’italiano della Honda quando è riuscito a guadagnare la seconda posizione non l’ha più mollata e si è difeso bene sino al traguardo, il francese è scivolato giro dopo giro fino al sesto posto. Spies, da parte sua, ha fatto una gara in rimonta fino ad arrivare alle spalle di Hayden al quale ha strappato il terzo gradino del podio nelle ultime due curve prima del traguardo. Per il campione del mondo della Superbike si tratta della prima volta sul podio della MotoGP. Bisognava cominciare, lo ha fatto alla quinta gara. La Ducati si consola con il quarto posto di Hayden e il quinto di Stoner il quale dopo un pessimo avvio, ripartendo dal fondo è arrivato fin sugli scarichi del compagno di squadra e se ci fosse stato ancora qualche giro avrebbe potuto concludere la sua rimonta anche saltando sul podio. La delusione della giornata è stato Dani Pedrosa. Partito bene lo spagnolo ha brevemente battagliato con de Puniet e Lorenzo prima di sprofondare lentamente ma inesorabilmente sempre verso il fondo classifica. Si è fermato all’ottavo posto superato anche da un combattivo Simoncelli. Pomeriggio da dimenticare per Melandri caduto quasi subito e sconsolatamente al box a guardare gli altri e per Capirossi che ha concluso il wweek end inglese come l’aveva cominciato. Malissimo e per giunta con il ritiro a 7 giri dalla conclusione.
Lorenzo con 115 punti si mette saldamente in testa alla classifica piloti. In questo momento il competitor più credibile è Dovizioso indietro di 37 lunghezze. (ore 15:10 in Italia)
Classe Moto 2 – Ha vinto il francese Jules Cluzel su Suter. Sul podio anche lo svizzero Luthi e lo spagnolo Simon. Caduto a due giri dalla fine Claudio Corti con la Suter, mentre era in lotta per la vittoria. Corti e’ risalito in sella ma ha chiuso solo 30mo, lontano dalla zona punti. Migliore italiano è stato Andrea Iannone  su Speedup che ha chiuso in 12ma posizione.
Classe 125 – Rocambolesca vittoria di Marc Marquez. Lo spagnolo ha avuto la meglio dopo un duello serratissimo col connazionale Espargaro. Staccato Smith, terzo. Marquez ed Espargaro hanno preso il comando della corsa e hanno fatto il vuoto. Poi se la sono giocata negli ultimi due giri in cui hanno spesso rischiato la collisione. E’ stato Espargaro a commettere l’errore decisivo andando largo in una staccata e lasciando così la vittoria al connazionale. (aggiornato alle ore 17:00 in Italia)

Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.

NO COMMENTS

Leave a Reply