Sepang – Tre giorni aspettando Valentino Rossi e la Ducati.  Chiamate “Chi l’ha visto?” La classe regina archivio il primo turnoi di test con una buona notizia tricolore: Marco Simoncelli con la Honda del team San Carlo Gresini è stato il protagonista assoluto della terza e conclusiva giornata, nella quale ha fatto anche segnare il crono più veloce dell’intera tre giorni, sfiorando il record della pista (2009, Rossi) che non ha agguantato per 239 millesimi. Simoncelli ha fatto la performance nel giro numero 2 i più diretti inseguitori Casey Stoner (Repsol Honda) e Jorge Lorenzo (Yamaha Factory) per avvicinare il tempo dell’italiano  di giri ne hanno dovuti fare rispettivamente 38 e 41.
Andrea Dovizioso ha continuato a fare bene chiudendo in quarta posizione e rimanendo l’ultimo pilota capace di rompere la barriera dei 2’01. Alle sue spalle Ben Spies su Yamaha Factory, Dani Pedrosa su Repsol Honda e Hiroshi Aoyama.
Ha ritrovato il sorriso dopo una partenza difficile nelle prime due giornate anche Nicky Hayden che oggi ha chiuso ottavo, staccato di circa sette decimi dal miglior tempo. L’americano pare aver optato per la forcella da 48 mm dopo averne provato due differenti ieri. Dietro di lui l’eterno Colin Edwards su Monster Yamaha Tech3.
Dalla decima alla quattordicesima piazza troviamo solo Ducati. Valentino Rossi, oggi intento alla prova di una messa a punto completamente nuova, guida il gruppetto formato nell’ordine da Hector Barberà (Aspar Team), dal duo Pramac Racing con Loris Capirossi e Randy De Puniet, e Karel Abraham (Cardion AB). Cal Crutchlow (Monster Yamaha Tech3) e Toni Elias (LCR Honda) completano il gruppo dei piloti regolari.
Àlvaro Bautista non ha preso parte all’intera giornata di test a causa di un problema allo stomaco lasciando lo sviluppo della Suzuki GSV-R nella mani del collaudatore Noburu Aoki.
Il test non è stata solo un’occasione per i nuovi schieramenti per provare inedite soluzioni tecniche in vista dell’imminente avvio della stagione, ma anche per la Bridgestone per continuare lo sviluppo dei pneumatici e per gli ingegneri di rafforzare i rapporti di collaborazione con i nuovi piloti. Valentino Rossi, per esempio, ora alla Ducati, ha un nuovo ingegnere in rappresentanza di Bridgestone, come nel caso di Casey Stoner, ora alla Honda.
Bridgestone ha proseguito il lavoro di sviluppo dei pneumatici iniziato lo scorso novembre rendendo disponibile per ciascun pilota un pneumatico slick anteriore e tre pneumatici slick per il posteriore. Grazie alla cooperazione e al supporto dei team e dei piloti, Bridgestone ha raccolto numerosi dati e informazioni utili per il lavoro di sviluppo futuro sia nella classe MotoGP, sia nei pneumatici stradali della gamma Battlax.
Tohru Ubukata, responsabile sviluppo Bridgestone Motorsport ha dichiarato: <<A Sepang abbiamo portato un pneumatico slick per l’anteriore e tre pneumatici slick per il posteriore per continuare il fondamentale lavoro di sviluppo per il futuro e sono soddisfatto del loro rendimento complessivo nei tre giorni di test. Voglio ringraziare tutti i team e i piloti per il supporto e la cooperazione. Abbiamo raccolto numerosi dati che saranno determinanti per il lavoro di sviluppo che faremo sia per la classe MotoGP sia per la nostra gamma di pneumatici ad uso stradale Battlax. Le condizioni atmosferiche nei tre giorni di test sono state buone e i tempi sul giro sono stati molto veloci. In occasione di questi test abbiamo avuto modo di lavorare in stretto contatto e di stabilire una buona relazione con i nuovi piloti della classe MotoGP e con quelli che hanno cambiato team. I nostri ingegneri hanno lavorato bene con tutti i piloti e sono convinto che in questa stagione supporteremo in maniera equa tutti i team>>.
I piloti torneranno in pista ancora a Sepang per il secondo test pre-stagionale tra circa tre settimane.
I tempi della terza giornata
1. Simoncelli (Honda Gresini), 2’00″757
2. Stoner (Honda Team), a 0″054)
3. Lorenzo (Yamaha), a 0″088
4. Dovizioso (Honda), a 0″188
5. Spies (Yamaha), a 0″245
6. Pedrosa (Honda), a 0″484
7. Aoyama H (Honda Gresini), a 0″596
8. Hayden (Ducati) a 0″777
9. Edwards (Yamaha), a 0″894
10. Rossi (Ducati), a 1″085. (ore 12:00 in Italia)

NO COMMENTS

Leave a Reply