Alcañiz  – Vittoria annunciata e incontrastabile. Troppo netta la differenza in qualifica, troppo evidente nel war ump, insostenibile il passo gara. La Honda ha ammazzato la gara come ha ammazzato le qualifiche e il killer numero 1 è stato ancora Casey Stoner. E’ accaduto l’ineluttabile. Daniel Pedrosa non ha neanche lottato col compagno di squadra e si è limitato a fare anch’egli una gara senza rivali per conquistare uno scontato secondo posto.
Jorge Lorenzo alla fine è riuscito a rimediare il terzo posto. Continua a fare come i gatti: cadono sempre in piedi. Messo sotto e relegato al quinto posto da una emozionante rimonta di Simoncelli arrivato al terzo posto dopo avere superato anche Spies, in testa alla prima curva ma subito risucchiato dalle due Honda Repsol, il campione del mondo in carica ha usufruito oggi di due bonus: la solita eccessiva foga di Sic che si è ritrovato egli quinto dopo un lungo, per poi risalire al quarto posto nel finale, e il cedimento (vero o strategico per il gioco di squadra) di Spies. Lorenzo è salito sul terzo gradino del podio. Virtualmente tiene aperto il discorso iridato, praticamente comincia a capire che la pratica è chiusa a favore di Stoner quando mancano quattro gare alla conclusione.
La corsa ha perso prematuramente Andrea Dovizioso, caduto dopo un centinaio di metri, tradito dalle gomme non andate in temperatura, e non ha mai avuto protagonista, oggi più delle altre occasioni, Rossi. Valentino per avere utilizzato l’ottavo motore sui 7 previsti dal regolamento è stato costretto a partire 10 secondi dopo tutti gli altri. Ha avuta fino a metà gara una buona rimonta, nel finale ha ceduto qualche posizione. Si è classificato decimo su tredici arrivati al traguardo. Oltre Dovizioso, infatti, hanno lasciato per cadute Abraham (al primo giro), Capirossi ed Elias (a 8 giri dalla conclusione).
Prossima gara a Motegi in Giappone, il 2 ottobre. (ore 15:15)

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.