Tokio – La crisi si abbatte anche sulla MotoGP: Suzuki Motor Corporation ha deciso di sospendere la  partecipazione al campionato del mondo. Nel 2012 non vedremo più le moto azzurre, forse le rivedremo nel 2014 se il programma annunciato dal costruttore giapponese di una “sospensione temporanea” avrà pratica attuazione. La sospensione della partecipazione alla MotoGP si è resa necessaria per far fronte alle difficili conseguenze della grave crisi economica che ha colpito i Paesi sviluppati, allo storico deprezzamento dello yen giapponese, e ai drammatici disastri naturali che hanno colpito il Sol Levante nel marzo scorso (terremoto e tsunami devastanti). Suzuki si concentrerà sullo sviluppo di un nuovo competitivo prototipo per la massima categoria nella previsione che il 2014 possa fare registrare un rientro tra i ranghi. Inoltre, Suzuki continuerà a portare avanti le attività finalizzate al motocross e ad offrire il proprio supporto nelle gare su strada utilizzando moto di serie, ottenendo così l’omologazione Fim e la collaborazione con i distributori di kit di sviluppo e componenti.
Suzuki esce, Stefan Bradl entra. LCR Honda ha annunciato l’ingaggio per due anni del campione del mondo Moto2. Ancora una volta l’ex pilota Lucio Cecchinello, titolare della scuderia, porta in pista un giovane talento con la voglia di ripartire per afcfrontare la nuova sfida imposta dal nuovo regolamento tecnico della classe regina (1.000 cc).
<<Il 2012 sarà un anno importante per la MotoGP. Ad aprile si ripartirà con un campionato ricco di novità dal punto di vista tecnico e dei partecipanti – ha dichiarato Cecchinello – Insieme ad Honda abbiamo vagliato diversi piloti e Stefan era uno dei nostri candidati. Al termine dei test di Valencia siamo rimasti molto impressionati dal suo potenziale e dalla sua determinazione: Stefan è un ragazzo giovane e veloce che ha appena conquistato il titolo Moto2 e crediamo che ci siano tutti i presupposti per crescere insieme con un programma biennale. Si è già integrato molto bene con lo staff tecnico e oggi sono felice di dargli benvenuto nel team LCR>>.
Bradl è entusiasta dell’ingaggio: <<È semplicemente un sogno che diventa realtà. E’ fantastico! Quando ho provato la RC212V a Valencia il team LCR si è dimostrato molto professionale e preparato, e scendere in pista nella categoria massima con la Honda 1.000 cc il prossimo anno è davvero stupendo. Sono certo che Lucio e la sua squadra faranno il massimo per darmi tutte le possibilità per affrontare al meglio il debutto nella MotoGP. Non vedo l’ora di tornare in pista>>.
LCR, quindi,  si prepara ad affrontare il settimo anno di attività nella massima categoria anche grazie alla rinnovata collaborazione con Honda HRC. (ore 18:46 in Italia)

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.