Jerez de la Frontera – Gli organizzatori del Gran Premio di Spagna, terza gara del mondiale MotoGP che si corre domenica, annunciano circa mezzo milione di visitatori questo fine settimana dopo la vittoria di Jorge Lorenzo nella gara d’esordio in Qatar. Il Gran Premio bwin de España, confermato anche nella prossima stagione, aprirà ilsipario alle 10:10 di venerdì per le prove libere 1. Riflettori puntati ssu Jorge Lorenzo che arriva più forte che mai all’appuntamento casalingo dove proverà a sfruttare le curve amiche per allungare in classifica su Pedrosa e Stoner. Proprio con il connazionale, secondo in Qatar, la sfida si fa ancora più intrigante: in terra andalusa il pilota Yamaha Factory proverà a portare a 40 le sue vittorie mondiali, mentre lo spagnolo di Repsol Honda si prefigge di arrivare a 39.
Casey Stoner non ha avuto l’inizio che si aspettava nel deserto e a Jerez non ha mai vinto. Nei test qui ha ben figurato poche settimane fa e il suo feeling con la RC213V migliorato durante il Commercialbank GP of Qatar.
Jerez sarà anche un test valido per verificare le reali possibilità dei due piloti Monster Yamaha Tech3 Cal Crutchlow e Andrea Dovizioso. 4. e 5. nella prima uscita stagionale, potrebbero già qui salire sul podio, Ben Spies permettendo. L’americano è infatti atteso ad una risposta importante dopo l’anonimo 11mo posto di Losail.
Nicky Hayden e Valentino Rossi, che sarà alla 200ma partenza nella classe regina, avranno qualche dato in più per continuare lo sviluppo di una Ducati che ancora deve migliorare molto per insidiare Honda e Yamaha. Le attenzioni saranno puntati come sempre sul Dottore costretto a posizioni di ripiego 15 giorni fa e che qui ha vinto già 6 volte nella classe regina, anche se l’ultima vittoria risale al 2009. Per l’americano sarà un’altra occasione per chiudere davanti al più quotato compagno di squadra anche se i test al Mugello della scorsa settimana non saranno di grande aiuto visto il maltempo che li ha praticamente resi inutili. Altro pilota che proverà a stare davanti a Rossi sarà Hector Barbera  con la Ducati Pramac Racing. Con lui a giocarsi la top 10 ci saranno anche il rookie Stefan Bradl con la Honda LCR, ottimo al debutto, e Alvaro Bautista con la Honda San Carlo Gresini ancora in rodaggio.  Tra le CRT il pilota da battere pare essere Colin Edwards con la Suter Bmw del team NGM Mobile Forward Racing, ma Randy De Puniet (Power Electronics) e la sorpresa Yonny Hernandez (Avintia Racing MotoGP) non vorranno essere da meno. Attesa anche per gli italiani Mattia Pasini (Speed Master) e Danilo Petrucci (Came Iodaracing project).
Il tracciato è uno dei preferiti dai piloti della MotoGP con punti che favoriscono i sorpassi. I “saltellamenti” dovuti alle ondulazioni dell’asfalto, richiedono una moto maneggevole e ben bilanciata, stabile in frenata per attaccare nelle curve più veloci. Il tracciato si caratterizza per due staccate molto impegnative (la 1 e la 4)caratterizzate da decelerazioni superiori a -1,6 g e tra le più impegnative del mondiale per gli impianti frenanti.
Il programma del week end: venerdì 27 10:10-10:55 prove libere 1, 14:10-14:55 prove libere 2;    sabato 28 10:10-10:55 prove libere 3, 13:55-14:55 qualifiche; domenica 29 09:40-10:00 warm up, 14:00 gara. (ore 14:35)

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.