Le Mans – La teoria della relatività applicata ad un pomeriggio di pioggia. Rain-man è chi non t’aspetti. Non uno, ma due. Uno ha fatto la gara del velista che attraversa in solitaria l’Atlatico. L’altro la rimonta del motonauta che giro di boa dopo giro di boa infila tutti gli avversari e sale sul secondo gradino del podio, ascesa che gli era proibita da tempo condannato come un Titano a guardare l’Olimpo dalle pendici più basse.
Jorge Lorenzo è stato il fantastico dominatore del Gran Premio di Francia. Se ne è andato subito ed è scomparso nella scia d’acqua che ha lasciato dietro per i 28 giri della gara. Valentino Rossi è stato magico nella bagarre con Andrea Dovizioso e Cal Crutchlow e nel duello con sorpasso all’ultimo giro di Casey Stoner. Davanti la monotonia, dietro l’eccitazione, le scariche continue di adrenalina in dosi industriale da toglierti il respiro.
Il campionato si riapre all’incertezza e speriamo che il ritorno di Valentino Rossi non sia solo un episodio ma il primo mattone di un edificio che ora deve essere costruito solido e duraturo. Con Rossi a lottare per le prime posizioni sarà tutto un altro campionato.
Partenza drammatica per Randy de Puniet, unico pilota francese in gara scivolato ai blocchi di partenza e ripartito puntigliosamente dai box per non perdersi la gara di casa. Davanti buona partenza dei piloti Honda Repsol ma Lorenzo è subito davanti a tutti mentre Rossi sale in poche battute in quarta posizione e dopo tre giri attacca Pedrosa e si porta in terza mentre lo spagnolo viene anche rimontato e superato dalle due Yamaha Tech3 di Dovizioso e Crutchlow.
Lorenzo prende il largo e con ancora 20 giri da effettuare ha circa 4 secondi sul gruppo degli  inseguitore, Stoner e Rossi immediatamente dietro braccati da Dovizioso e Crutchlow i quali riescono a superare entrambi il Dottore mentre Stoner recupera decimi su Lorenzo. Rossi si prende la rivincita e supera Crutchlow  e comincia a duellare con Dovizioso. Crutchlow cade a 10 giri dalla conclusione e lascia la sfida per il podio a Rossi e Dovizioso. L’inglese riesce nell’impresa di rientrare in pista in ottava posizione mentre Vale supera Dovizioso e capisce che può andare a prendere anche Stoner. Lo fa con una serie di giri veloci e a 4 tornate dal termine può giocarsi la seconda piazza. Cade anche Andrea Dovizioso e inizia la sfida all’ultima curva tra il campione del mondo in carica e Rossi. Sfida d’altri tempi tra due grandissimi piloti. La spunta Valentino Rossi che a Le Mans torna a trovare il podio, questa volta sul secondo gradino. È il miglior risultato dell’italiano con Ducati, ancora una volta sul bagnato.
Jorge Lorenzo conquista la seconda vittoria stagionale dopo quella di Losail e torna leader del mondiale con 8 punti su Casey Stoner.
Dani Pedrosa uomo pole a sorpresa si ritrova quarto seguito da Stefan Bradl e Nicky Hayden. Dovizioso trova comunque la settima piazza davanti al compagno di squadra.
In Crt gara sfortunata di  Danilo Petrucci caduto a due giri dal termine lasciando la posizione di testa della categoria all’inglese James Ellison seguito dall’altro italiano Mattia Pasini e da Aleix Espargaró. (ore 15:20)

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.