GP ITALIA. Dani Pedrosa oscura Lorenzo

GP ITALIA. Dani Pedrosa oscura Lorenzo

0 2

Barberino del Mugello – Sembrava ma non è stato. Sembrava e poteva essere. Se un problema elettronico non lo avesse fermato a 400 metri dal traguardo nell’ultimo tentativo. Jorge Lorenzo dominatore nei tre turni di prove libere, ammazzapole con il record del circuito nel terzo turno di libere (1’47″584) mentre Pedrosa e Stoner sembravano senza difesa, è stato oscurato in qualifica dal pilota che potrebbe essere l’unico rivale rimasto nella corsa al titolo. Dani Pedrosa, vincitore sette giorni fa nel Gran Premio di Germania, nella seconda parte del tempo a disposizione ha ingaggiato un furioso braccio di ferro col connazionale della Yamaha portando la sua Honda Repsol più volte in testa fino al tentativo conclusivo che ha tagliato le gambe all’irriducibile rivale della Yamaha. Ed ha fatto il nuovo record sul giro del circuito del Mugello, 1’47″284, pochi attimi prima stabilito da Lorenzo con 1’47″423 che aveva ritoccato quello del mattino, 139 millesimi tra i due.
Con loro in prima fila per un’inedita “nazionale” spagnola anche Hector Barbera che ha portato fin lassù la Ducati Pramac togliendo la soddisfazione alla Rossa ufficiale di Nicky Hayden che aveva resistito con 1’47″671 fino a quando lo spagnolo non ha “sparato” 1’47″456, 126 millesimi più veloce. Nella vigilia che fa comunque sorridere la Casa di Borgo Panigale è ancora una volta mancato all’appello Valentino Rossi relegato al decimo posto con 1″218 di distacco, un abisso che continua a separarlo dai migliori dall’inizio della stagione e che il nove volte campione del mondo continua a subire passivamente. Ci si interroga sulla insufficienza dimostrata da Rossi che continua senza ch’egli riesca a porvi rimedio mentre il suo compagno di squadra gara dopo gara ha dimostrato miglioramenti apprezzabili almeno in qualifica.
La seconda fila della griglia oltre ad Hayden presenta l’assenteista Casey Stoner, stranamente rinunciatario e svogliato per tutto il week-end, e Cal Crutchlow, nonostante una caduta alla curva 12 che poteva pregiudicare la partecipazione alla gara.
In terza fila Andrea Dovizioso, Stefan Bradl  (l’ultimo degli otto piloti nel range di 1’47”) e Ben Spies (il primo de tre con 1’48”), caduto anch’egli alla curva 12.
Rossi, quindi, partirà dalla quarta fila, allineamento che condivide con Alvaro Bautista e Alex Espargaro, ancora ilmigliore dei Crt.
 
Moto2 – Nonostante la caduta nelle libere 3 Espargarò è riuscito a conquistare la pole davanti a Marquez e Zarco che partono con lui in prima fila. In seconda Iannone, De Angelis e Luthi.
 Moto3 – Dopo due gran premi lontano dalla prima fila è Maverick Viñales che riparte in pole position all’attacco di Sandro Cortese sullo stesso allineamento insieme a Alex Rins. Primo degli italiani Niccolò Antonelli, sesto, in seconda fila.

NO COMMENTS

Leave a Reply