Valencia – Warm up bagnato. Ha piovuto per tutta la mattina e la pista ha presentato tratti particolarmente insidiosi. Si sono scatenati gli uomi della pioggia ed è stato un appassionante avvicendarsi in vetta. Sembrava l’occasione della Ducati che con Rossi e Hayden è stata in vetta ma all’ultimo momento ci ha pensato Andrea Dovizioso con la Yamaha Tech3 a mettere la parola fine al contenzioso. Il Dovi ha fatto 1’44″197 che nessuno è più riuscito a superare. Stefan Bradl con la Honda LCR si è piazzato secondo con 122 millesimi di distacco dopo avere tolto il primo posto al Vale a sua volta scalato al terzo con 357 millesimi di distacco. Il Dottore aveva scalzato dal primo posto il compagno di squadra ancora per quest’ultimo appuntamento: Nicky Hayden si è classificato quarto a soli 2 millesimi da Rossi.
Al quinto e sesto posto altri due protagonisti della mattinata piovosa: Alvaro Bautista quinto con la Honda Gresini a 361 millesimi dal Dovi e Cal Crutchlow a 505 millesimi dal compagno di squadra in testa.
Il primo dei big della stagione al tramonto è stato il neo campione del mondo Jorge Lorenzo, settimo con la Yamaha Factory a 845 milesimi. Decimo e 11mo i piloti Honda Repsol, Dani Pedrosa con 1″488 di distacco e Casey Stoner, all’addio agonistico, con 1″885. Sono stati preceduti da Aleix Espargaro con la Aprilia Art ottavo e primo dei CRT a 1″270 e Karel Abraham con la Ducati Cardion a 1″337.
Ed ora si aspetta una gara bagnata, forse anche sotto una pioggia che nessuno può dire di quale intensità. Potrebbe essere un pomeriggio dalle tante sorprese. Aspettare per verificare. 

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.