Jerez de la Frontera – Con aplomb magnificamente espresso Cal Crutchlow con la Yamaha Tech3 ha rovinato la festa di compleanno, 26 anni, a Jorge Lorenzo. L'inglese con la Yamaha satellite al settimo giro ha spiccato un perentorio 1'38"975, media km/h 160,8, insidiato solo da Dani Pedrosa il quale con la sua Honda è entrato nello stesso 1'38" ma con 19 millesimi in più rispetto a Crutchlow. Lorenzo è stato così respinto al terzo posto con un ritardo di 103 millesimi. Ed a significare quanta battaglia ci sia stata nelle libere 3 e quanto incerta sia la soluzione pole position al quarto posto con un ritardo di 130 millesimi c'è anche Valentino Rossi. Se questa è una premessa ci sono quattro piloti in grado di mettere le mani sulla pole position: Crutchlow 1'38"975, Pedrosa 1'38"994, Lorenzo 1'39"078, Rossi 1'39"105.
Nell''ultima sessione valida per l'accesso diretto alla Q2 dove tra i 10 piloti che potranno giocarsi le opzioni di pole del Gran Premio bwin de España è entrato di prepotenza Andrea Dovizioso il quale con la sua Ducati ufficiale ha preso possesso del quinto posto anche se con oltre mezzo secondo di distacco. Ritardo che si quantifica in 5 decimi e 25 millesimi e suona come una sconfitta annunciata per lo sceriffo texano Marc Marquez il quale ha chiuso al sesto posto senza avere mai dimostrato di potere essere all'altezza della prestazione di Austin.  Anche la Ducati ufficiale di Nicky Hayden è nel lotto degli aventi diritto alla Q2, ottava a 645 millesimi dalla vetta. La top ten è completata da uno strepitoso Andrea Iannone, nono con la Ducati Pramac con 712 millesimi di ritardo e da un coriaceo Alvaro Bautista, decimo con la Honda Gresini a 795 millesimi.
Caduta per Aleix Espargaró ad inizio sessione e 12ma posizione. Per il momento esclusi "di lusso" Stefan Bradl con la Honda Lcr, 11mo, e Bradley Smith con la Yamaha Tech3, 13mo. Ufficialmente fuori Karel Abraham: non correrà il GP di Spagna a causa del dolore alla clavicola fratturata nelle prove di Austin.

Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.

NO COMMENTS

Leave a Reply