Mugello – Come l'anno scorso: Dani Pedrosa uomo pole, Jorge Lorenzo primo sul podio davanti al connazionale. Torna sul podio Cal Crutchlow "premiato" da un'usciota di scena di Marc Marquez a tre giri dalla conclusione dopo che aveva superato il compagno di squadra Pedrosa. Per Valentino Rossi una giornata da dimenticare: fuori alla prima variante intercettato da Alvaro Bautista anch'egli costretto al ritiro.
E' stato un appassionante braccio di ferro tra la Yamaha Factory di Jorge Lorenzo e le Honda Repsol di Dani Pedrosa e Marc Marquez. Al via Pedrosa mantiene la posizione ma alla prima curva arriva lungo e viene infilato da Lorenzo. In terza posizione si è subito installato Marquez. Alla prima variante con piega da inistra verso destra Bautista trova sulla sua traiettoria Rossi che stava davanti e stava facendo la sua, lo intercetta ed insieme finiscono fuori pista. Nessun danno per i piloti.
Davanti il marcamento ad uomo dei due Honda Sul pilota Yamaha è feroce e implacabile. Pedrosa tenta più volte il sorpasso ma Lorenzo non concede spazio. Marquez aspetta gli eventi per piazzare il suo affondo. Ma ancora più implacabile dei segugi è la preda Lorenzo che a 10 giri dalla conclusione comincia ad infilare crono da 1'47" allontanandosi inesorabilmente. Il distacco giro dopo giro diventa di sicurezza mentre dietro Marquez comincia a puntare il compagno. Il quale a quattro giri dalla conclusione ha un'incertezza e viene punito da Marquez che passa al secondo posto. A tre giri dalla conclusione il colpo di scena: Marquez perde improvvisamente il controllo della sua Honda Repsol e viene catapultato sulla ghiaia. Pedrosa ritorna secondo.
Dietro a questo terzetto scatenato Cal Crutchlow riesce a domare le Ducati e a guadagnare la quarta posizione. Fino a quando l'uscita di Marquez non lo proietta sul podio.
Lorenzo chiude in 41'39"733 media oraria km 173,7. Pedrosa è secondo a 5"4, Crutchlow terzo a 6"412. Quarto Stefan Bradl, quinta e sesta la Ducati Team con Andrea Dovizioso e Nucky Hayden. Ottimo settimo posto per Michele Pirro con la Ducati Test davanti ad Aleiz Espargaro, ancora primo dei Crt, a Bradley Smith che ha voluto correre nonostante le condizioni menomate e Hector Barbera.
Pedrosa rimane leader della classifica piloti con 103 punti, al secondo posto passa Lorenzo con 91, Marquez rimane a 77 ed è avvicinato da Crutchlow con 71. Rossia scende al sesto posto, al quinto sale Dovizioso.

Moto 2 Seconda vittoria stagionale per Scot redding. L’inglese sempre più leader del mondiale con Terol e Zarco sul podio.  Nessun pilota britannico aveva mai vinto nella classe intermedia al Mugello. Espargaro salva la giornata con la quarta posizione.
Moto 3 Seconda vittoria in stagione per Salom che riapre il mondiale. Sul podio Rins (che sbaglia l’ingresso all’ultima curva) e Viñales, ancora leader della classifica. Antonelli salva l’Italia con la settima piazza.
 

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.