Sachsenring – Ancora Ducati-Stoner, per la quarta volta consecutiva. E’ dal Gran Premio di Catalogna che la premiata ditta, tornata terribile, non perde la pole e solo in Spagna non è arrivata prima al traguardo. Hanno tentato in parecchi oggi pomeriggio a fare fesso l’australiano campione del mondo ma alla resa dei conti sono stati gli sfidanti a rientrare con le pive nel sacco ai box superati dall’1’21”087 che è il nuovo giro record del circuito tedesco appena 24 ore dopo quello stabilito dallo stesso Stoner nelle libere 2 venerdì alla stessa ora.
La prima fila del Gran Premio di Germania di domani, decima gara della stagione, allinea anche la Honda di Pedrosa e la Yamaha privata di Edwards, ed annuncia ancora una gara dominata dalla Ducati come sono state le precedenti che hanno consentito a Stoner di rientrare autorevolmente nel giro-iridato quando tutti lo davano per spacciato.
All’inversione di tendenza in positivo della Ducati dalla Spagna in poi ha fatto riscontro quella in negativo dalla stessa gara spagnola della Yamaha di Valentino Rossi che in Catalogna e Gran Bretagna è riuscito comunque ad ammortizzare la sconfitta, dopo il trittico di vittorie Cina-Francia-Italia, con il secondo posto alle spalle di Pedrosa e di Stoner, rispettivamente a Barcellona e a Donington. Dopo la sciagurata gara olandese, undicesimo posto in seguito ad una caduta, si aspettava la riscossa della Yamaha e del Dottore che, al contrario in tutte le fasi di approccio al Gran Premio di Germania hanno sempre arrancato, mai riuscendo ad uscire dalle spire di un gap sempre più evidente nei confronti soprattutto della Ducati ma anche della Honda.
Rossi partirà domani dalla terza fila con compagni di allineamento Hayden e Nakano, una Yamaha quindi e due Honda, col bel distacco di oltre mezzo secondo da Stoner il quale se girerà come ha fatto in oggi pomeriggio farà colazione pranzo e cena di tutti gli avversari. Per altro davanti, in seconda fila, ci sono Dovizioso, Lorenzo e de Puniet, clienti difficili nelle fasi d’avvio e conseguentemente per Vale i rischi di una partenza ad handicap aumentano notevolmente. Immaginare una gara in rimonta con la Yamaha attuale è un sogno che neanche il prestigiatore Rossi potrebbe realizzare.
De Angelis è in quarta fila, Capirossi in quinta e Melandri in sesta, l’ultima. (ore 15:30)

Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.

NO COMMENTS

Leave a Reply