Sachsenring – Cronaca di una vittoria annunciata. Con la pole e nel warm up. Marc Marquez mette a segno una vittoria tanto più importante quando lo proietta in cima alla classifica del mondiale piloti approfittando della concomitante assenza per infortunio del compagno di squadra Dani Pedrosa e di Jorge Lorenzo. Al secondo posto un grande Cal Crutchlow in rimonta, al terzo Valentino Rossi passato in testa al via ma in poco tempo superato prima da Stefan Bradl (quarto al traguardo) poi da Marquez e nella seconda parte della gara da Crutchlow.
Al via partenza perfetta di Valentino Rossi che inizia alla grande l’ottavo appuntamento stagionale. A ruota della Yamaha Factory Stefan Bradl con la Honda Lcr e Aleix Espargaro con la Aprilia Art. Dopo due giri il tedesco passa Rossi, dietro Marquez partito male dalla quarta posizione risale passa Espargaro ed è terzo, Bautista è davanti a Crutchlow. Lo spagnolo della Repsol Honda in 6 giri conquista la prima posizione mentre Bradl, Rossi e Crutchlow lottano alle sue spalle. La sfida a giri veloci è tra Valentino Rossi e Marc Marquez. Il Dottore vede Marquez scappare ed è costretto ad attaccare Bradl per provare a fermare la fuga del virtuale leader del mondiale. I due sono divisi da poco più di un secondo. Intanto anche Crutchlow approfitta dell’ultima curva per passare Bradl. Cambia rapidamente la situazione di gara: Crutchlow con pista libera è un fulmine mentre Rossi recupera millesimi in quasi tutti i settori su Marquez, salvo poi perderli con gli interessi nel quarto settore  dove Marc Marquez corre comodo in 20"9 mentre Rossi e Crutchlow non vanno l’oltre il 21"2. A 15 giri dal termine Crutchlow passa Rossi e prova a riportarsi su un Marquez che pare imprendibile. L’inglese in meno di due giri recupera 8 decimi su Marquez mentre Rossi si stacca nonostante rimanga con un ritmo di gara molto elevato. Si definiscono i ruoli con Marquez, Crutchlow e Rossi ora separati da 2 secondi l’uno dall’altro. Difficile che cambi qualcosa con appena 6 giri per chiudere la gara. Cade Staring, appena doppiato dai primi tre. Marquez non sbaglia nulla e vince. Con la seconda vittoria stagionale e in carriera torna leader del mondiale piloti con 2 punti di vantaggio sull’assente Pedrosa.  Sul podio anche Crutchlow e Rossi che tornano anch'essi nella corsa al titolo. A Laguna Seca domenica prossima inizierà un altro campionato perché Lorenzo, salvo sorprese, non ci sarà e le condizioni di Pedrosa saranno fondamentali per stabilire le vere gerarchie in Honda Repsol.
Moto 2. Prima vittoria in carriera  per lo spagnolo Jordi Torres. Sul podio anche Simone Corsi che all'ultimo giro ha superato Pol Espargaro il quale col terzo posto recupera altri sette punti su Scott Redding solo settimo.
Moto 3. Podio tutto spagnolo. Successo di forza di Alex Rins davanti ai connazionali Luis Salom e Maverick Viñales.

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.