Laguna Seca – Predestinato a infrangere tutti i tabù sul noviziato Marc Marquez dopo il terzo tempo di stamane nel pomeriggio ha  sparato un crono da 1'22"040, migliore tempo della prima giornata, ed ha chiuso le libere 2 al primo posto. Non è stata l'unica sorpresa del pomeriggio perché a mettere il pepe alla pietanza ci hanno pensato anche Stefan Bradl e Andrea Dovizioso. Il tedesco si è infilato al secondo posto con la honda Lcr a 229 millesimi; l'italiano al terzo con la Ducati a 244 millesimi. Questi piazzamenti hanno ridimensionato le ambizioni mattutine di Cal Crutchlow e Valentino Rossi. Il Dottore con la Yamaha factory si è dovuto accomodare al quarto posto a 306 millesimi da Marquez, l'inglese con la Yamaha tech3 al quinto con 417 millesimi di distacco.
De due "ospedalizzati" meglio ha fatto Jorge Lorenzo, buon sesto con la sua Yamaha Factory e distacco contenuto in 427 millesimi. Dani Pedrosa, stamane ancora a riposo, si è accontentato dell'11mo posto con 1"089 di distacco.
Aleix Espargaro con la Aprilia Art, ancora primo dei Crt, ha concluso al settimo posto (distacco 491 millesimi) precedendo nell'ordine Alvaro bautista, ottavo con la Honda Gresini (+499 millesimi), Nicky Hayden all'ultima Laguna Seca con la Ducati Team, nono (+693 millesimi), Bradley Smith, decimo con la Yamaha Tech3 (+727 millesimi).
Due cadute. La prima ha interrotto la sessione quando mancavano poco più di 11 minuti alla conclusione. Bandiera rossa alla curva 5 per  l'incidente allo yankee Blake Young. Qualche giro dopo alla curva 3 è caduto Karel Abraham.

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.