Brno – L’inglese Cal Crutchlow conquista una pole da record a Brno, girando in 1’55”527. Una beffa nella beffa verrebbe da dire. Già, perché il pilota Monster Yamaha Tech3, dopo aver litigato col traffico nei minuti finali, non solo schiaffeggia moralmente i pretendenti al titolo stracciando di quasi 3 decimi il record fatto registrare nel 2012 da Jorge Lorenzo, ma beffa anche il furbo Alvaro Bautista (GO&FUN Honda Gresini) che a dieci minuti dal termine della sessione di qualifiche aveva fatto registrare la pole provvisoria abbassando a sua volta, di 45 millesimi, il record di Lorenzo.
Bautista è stato furbo perché per realizzare il suo miglior tempo di 1’55”754 valevole la seconda piazza in griglia si è attaccato allo scarico di Marc Marquez tenendo la scia senza mollarlo di un metro. Il risultato è stato Bautista in pole e Marquez alle sue spalle con 1’55”863. Poi è arrivato Crutchlow a infrangere i sogni di gloria dello spagnolo.
Seconda fila per Dani Pedrosa (Repsol Honda), quarto davanti alle Yamaha di Jorge Lorenzo (Yamaha Factory) e Bradley Smith (Yamaha Tech3). Solo settimo Valentino Rossi (Yamaha Factory) in terza linea con Stefan Bradl (LCR Honda) e Andrea Dovizioso (Ducati). Un bel grattacapo per il Dottore, che fino a questa mattina ambiva ad una partenza nelle prime due file.
Nicky Hayden (Ducati) è decimo, seguito da Andrea Iannone (Pramac Ducati) e Colin Edwards (NGM Mobile FTR).

SHARE
Girolamo Cimarosti
Eoliano di Lipari, appassionato di motori e particolarmente innamorato delle due ruote. L’altra sua passione è la musica classica. Verdi, Puccini, Bellini e Rossini sono i suoi preferiti. Suona discretamente il pianoforte. Il richiamo della MotoGP per lui è irresistibile.