A marzo 2018 debutterà a Roma il Salone del Veicolo d’Occasione, un evento frutto della collaborazione tra Fiera Roma e Ifema (la Fiera di Madrid) con il sostegno dell’Aci. In programma dall’8 all’11 marzo 2018, il Salone punta a dotare il mercato italiano di una piattaforma commerciale per il mercato automobilistico del seminuovo e consolidare la professionalizzazione del settore.

Fondamentale la collaborazione con Ifema, primo operatore fieristico in Spagna e uno dei più importanti in Europa, che gestisce un portafoglio di 100 fiere e congressi e più di 500 eventi che si svolgono ogni anno nelle strutture della Fiera di Madrid, dove da 25 anni a questa parte porta avanti con successo il Salone del Veicolo d’Occasione.

La chiave del successo del Salone spagnolo è il suo modello, concepito per facilitare il processo di prova e decisione di acquisto dei veicoli esposti, con la garanzia di un tagliando ufficiale prima dell’acquisto stesso. Un modello che ha ottenuto eccellenti risultati nel corso degli anni e che dal 2018 debutterà anche in Italia.

“È un appuntamento del tutto nuovo nel panorama italiano – ha commentato l’amministratore unico di Fiera Roma, Pietro Piccinetti –. È un progetto ambizioso, che punta a promuovere il mercato dei veicoli usati incentivando una seconda vita delle auto, che si traduca in un più accessibile rinnovamento delle flotte, con tangibili ricadute benefiche sulla sicurezza stradale e l’ambiente”.

In Italia, eventi commerciali dedicati alle auto usate con le caratteristiche di VO non esistono. Nel Salone in programma a Roma, in aggiunta alle garanzie dei rispettivi venditori tutti i veicoli in mostra saranno sottoposti a un’attenta ispezione tecnica (da parte di una società specializzata) solo poche ore prima che il veicolo venga messo in esposizione, per accertare lo stato dei dispositivi di sicurezza, l’affidabilità meccanica e il rispetto degli standard per la commerciabilità.

Sarà inoltre possibile provare tutti i veicoli in mostra, con un test drive insieme a un responsabile dell’organizzazione venditrice con percorso e durata già prestabiliti. L’Aci allestirà uno sportello temporaneo del PRA, in cui effettuare visure sui certificati di proprietà dei mezzi oppure direttamente passaggi di proprietà.