Da luglio sarà obbligatorio il patentino per i minori che guidano motorini. Si tratta, secondo cifre ufficiali, di un “esercito” tra 700 mila e 1 milioni di unità. Tutti coloro che da quella data saranno fermati sprovvisti del “salvacondotto” avranno il motorino sequestrato e pagheranno una multa di 516 euro.
Il conto alla rovescia è già cominciato e solo ora ci si rende conto che l’ “esercito”, tranne poche centinaia di minorenni tra i 14 e i 17 anni, è sprovvisto del patentitno previsto dal nuovo Codice della Strada entrato in vigore il 30 giugno 2003. Per tutti questi giovani il Codice prevede un corso di educazione stradale di 12 ore che se si effettuerà nelle scuole sarà gratuito se nelle autoscuole costerà tra i 100 e i 180 euro. Il corso si conclude con un esame teorico e pratico.
Ora sembrerebbe che i minorenni interessati non siano stati abbastanza sensibilizzati verso questo problema e solo pochissimi sono già forniti del patentino, autoscuole e scuole non hanno ricevuto i fondi e gli strumenti necessari per svolgere il loro ruolo, il ministero della Infrastrutture non sarebbe in grado di fare fronte alla massiccia richiesta di rilascio delle licenze nei 100 giorni o poco più che mancano alla scadenza, ammesso che l'”esercito” si deciderà ad andare a frequentare i corsi.
Cosa succederà il primo luglio? Tolleranza zero e severità nei controlli? Questa è la trama della prossima puntata.

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.