Il male, i medici asseriscono curabile con le terapie antitumorali attuali, che ha costretto Umberto Agnelli a seguire in teleconferenza da casa l’assemblea degli azionisti, induce ad una riflessione sul destino degli Agnelli. Una grande famiglia alla quale l’Italia deve molto non solo per quel che ha fatto e continua a fare nel mondo industriale ma anche per gli uomini e le donne che in ruoli diversi della vita pubblica hanno contribuito al miglioramento sociale dell’Italia sopratutto in fasi storicamente difficili. Una sorta di maledizione che prima di Umberto ha coinvolto Giovanni, l’indimenticato Avvocato, e in famiglia ha colpito altri componenti. E come se non bastasse, al male incurabile si sono associati, come in una reazione chimica a catena, altri elementi che hanno periodicamente devastato questa illustre famiglia che ha sempre e comunque trovato al suo interno i valori e la volontà della “ricostruzione”.
Umberto Agnelli e per lui Giuseppe Morchio rappresentano oggi più di ieri questi valori e se il Gruppo Fiat, come è stato annunciato all’assemblea degli azionisti, si avvia verso la luce che segna la fine della crisi e la definitiva ripresa, deve a loro e a quanti con loro hanno affrontato con capacità e lucidità il devastante periodo che sembrava dovesse cancellare con il gruppo un marchio, quello Fiat, che nella sua centenaria storia ha contribuito a fare quella dell’automobile.
L’augurio di tutti noi di AutoMotoNews è quello formulato da Giuseppe Morchio all’inizio della riunione dell’11 maggio scorso: “…Indirizziamo a lui (Umberto Agnelli, ndd) i nostri più affettuosi auguri”. Aggiungendo, da parte nostra l’auspicio che egli vinca il male per potere godere con gioia del rilancio della Fiat che, come ha ripetuto Morchio “non è più solo un’ipotesi, è un progetto che si sta concretamente realizzando”. Anche per merito di Umberto Agnelli.

Nelle foto: Umberto Agnelli e Giuseppe Morchio.

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.