In un periodo di continui stravolgimenti manageriali e adattamenti di rotta, il Gruppo Fiat presenta comunque alcuni piccoli, o grandi (dipende dai punti di vista), capisaldi di continuità. Uno lo abbiamo identificato in una precedente nota in Simone Migliarino, rientrato alla guida delle relazioni esterne dei tre marchi che fanno capo a Fiat Auto. Ma Alfio Manganaro, 54 anni compiuti il 16 aprile scorso, incarna forse meglio di ogni altro la continuità che a Torino cercano di recuperare come un prezioso dna che può garantire il ritorno ad antichi splendori.
Manganaro questo “diritto” lo rivendica per essere entrato in Lancia nel 1979 e per avere da quel lontano luglio attraversato con coerenza professionale e impegno fuori di discussione tutte le stagioni, felici e non, fino ad oggi.
E’ rassicurante averlo ancora compagno di lavoro entusiasta e disponibile come lo è stato sin dal primo momento. Da maggio 2002 responsabile dei rapporti con la stampa per il brand Fiat e del coordinamento stampa Italia per Fiat Auto, Manganaro recupera al Lingotto quella simpatia e quella cordialità da parte del variegato mondo della stampa specializzata italiana che per qualche periodo erano mancati.
Abbiamo definito Simone Migliarino “l’inaffondabile”. Per Alfio Manganaro l’aggettivo qualificativo che meglio lo identifica per noi è “il fedelissimo”. (ore 18:00)

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.