Siamo fuori dal tunnel della crisi. Anzi, no. Siamo ancora dentro ma vediamo una fioca luce che annuncia la fine del tunnel. Gli esperti sono in ordine sparso. Ciascuno di loro fa diagnosi sostanzialmente diverse e propone terapie. L’uomo della strada è lontano da questo dibattito che interessa capi di governo, ministri dell’economia, banche, finanziarie. L’uomo della strada guarda la busta paga, i prezzi al supermercato, si interessa di tasse scolastiche e di costo dei libri, si confronta con una quotidianità terra-terra. Non riesce a volare in alto come gli esperti di economia. Meno male, perché se riuscisse ad arrivare a così alti pensieri non abituato alle altezze sublimi dei contorcimenti dialettici precipiterebbe come Icaro.
Un anno fa i signori Lehman spudoratamente e cinicamente dissero “vi abbiamo bidonati” ed ora sono cavoli vostri. Grazie. Un anno dopo Pantalone continua a pagare e i signori Lehman se la godono nonostante il pesante fardello giudiziario che si portano sulle spalle.
Coraggio. La saggezza degli antichi ci può essere d’aiuto. E in Sicilia c’è un adagio che incoraggia a continuare: Caliti juncu ca passa la china. Ma ho trovato anche una poesia.
Càliti juncu ca passa la china.
Diu Santu! Quant’è veru stu proverbiu.
Ma sbagghia cu strasenti e pensa stranu,
cu nun capisci o finci di capiri.
L’animu sicilianu è comu ò juncu:
s’‘u ventu sciuscia pianu si rifrisca,
si chiovi senza dannu sì ‘bbivìra.
E quannu d’improvvisu, di lu mari,
s’addensanu timpesti di conquista
(chiamali greci o turchi o saracini,
francisi, catalani o peggio ancora
borbonici, ‘taliani o americani),
stannu tanticchia ‘cca, pajunu daziu,
portanu arti, musica e ricchizza,
si scannanu ‘ntra d’iddi e si ni vannu.
Robbunu tantu, ma lassanu assai.
E quannu ‘u suli torna a rivigghiari
sta terra ca si cridunu di tutti,
t’accorgi ca la china è già passata:
cunti li morti ‘n terra, li sutterri,
poi susi l’occhi e vidi ca ‘ntra tutti
sulu lu juncu è tisu e sciumazzìa.
Lu juncu ca la china nun sradica,
lu juncu ca si cala e mai si ‘ncula.
Traduzione/Calati giunco
Calati giunco che passa la piena./Dio Santo! Quanto è vero questo proverbio. / Ma sbaglia chi strasente e pensa strano,/chi non capisce o finge di capire. / L’animo siciliano è come il giunco:/se il vento soffia piano si rinfresca,/se piove senza danni si irrora./E quando d’improvviso,dal mare,/s’addensano tempeste di conquista/(chiamali greci o turchi o saraceni,/francesi, catalani o peggio ancora/ borbonici,italiani o americani)/stanno un po’ qua, pagano dazio,/ portano arte, musica e ricchezza,/si scannano tra di loro e se ne vanno. / Rubano tanto, ma lasciano assai./E quando il sole torna a risvegliare/ questa terra che credono essere di tutti,/ ti accorgi che la piena è già passata:/ conti i morti per terra, li seppellisci,/poi alzi gli occhi e vedi che,tra tutti/ solo il giunco è teso e si sollazza./Il giunco che la piena non sradica,/il giunco che si piega e mai si inchina.
Non so chi è l’autore della poesia. L’ho riportata con la traduzione perché ho ritenuto che si adatta bene all’argomento. Resta da capire se ci siamo rialzati o ancora dobbiamo farlo. Siamo nelle mani degli esperti… Caliti juncu… (ore 09:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply