Nei giorni scorsi era stata diffusa la notizia, che ci aveva lasciati increduli, secondo la quale era stato raggiunto un accordo che non ci
avrebbe più esposti ad aumenti “selvaggi” e ingiustificati dei carburanti.
Notizia di accordo smentita dalla nuova ondata di rialzi sui carburanti con il gasolio che ora sfiora addirittura 1,28 euro al litro. Erg ha ritoccato di 0,5 centesimi benzina (1,423) e gasolio (1,263); Q8 ha aumentato di 1 centesimo sia la “verde” (1,431) sia il gasolio (1,274); Shell ha portato a +0,5 centesimi la benzina (1,434) e a +0,8 centesimi il diesel (1,277);
Tamoil ha rialzato di 0,9 centesimi il gasolio (1,268); Total ha rincarato di 0,7 centesimi la “verde” (1,425), di 0,5 centesimi il diesel (1,268).
L’accordo era stato fatto in difesa dei consumatori o perché i petrolieri continuassero ad libitum nel salasso? (ore 11:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply