Nell’eurozona sussiste un rischio ”tangibile” di contagio della crisi del debito sovrano. Lo afferma il Fondo monetario internazionale nel rapporto regionale dedicato all’Europa.
Eppure ci sono quelli, e sono in molti, che sono convinti che in Europa i sovrani, le cosiddette teste coronate, oggi sono innocue e sono puramente scenografiche in determinate occasioni.
Comunque il sovrano che ci interessa, è il debito. Il Fondo si attende per quest’anno una frenata del Pil di Grecia e Portogallo e ritiene che le tensioni nei Paesi della periferia dell’eurozona rappresentino il principale fattore di rischio per le prospettive dell’economia. Per questo, gli Stati europei devono intraprendere “azioni decise” afferma il Fondo sottolineando che per combattere la crisi del debito è necessario ripristinare la fiducia.
Sovrani a parte il Fondo Monetario internazionale ha promosso i conti italiani e l’azione intrapresa dal governo per il loro consolidamento fino ad arrivare vicini al pareggio di bilancio nel 2014. Ovviamente anche di fronte alla logica solare dei numeri c’è chi come Bersani continua a dire che il governo Berlusconi non ha fatto niente per gli italiani. (ore 18:15)