Probabilmente siamo poco attenti ai segnali positivi che arrivano dal fronte economico e sociale. Probabilmente perché siamo troppo presi da preoccupazioni ed ansie di segno opposto. Probabilmente è anche vero che nel rispetto della legge della dinamica “due forze uguali e contrarie si annullano“. Positivo contro negativo uguale zero. Il ministro Saccomanni fa propria la terza legge di Newton e continua a dirci che stiamo uscendo dalla crisi, che il 2014 sarà l’anno della rinascita, che gli italiani vedranno la luce. Intanto assediati da tasse e vessazioni di ogni genere gl’italiani continuano a stringere la cinghia.
I dati inevitabilmente ancora di segno negativo del mercato dell’auto di novembre è l’ultimo segnale che al ministro Saccomanni è arrivato come la terza legge di Newton. La riunione della Consulta della quale fanno parte anche Anfia, Unrae, Federauto non ha avuto alcuna eco. E’ stata come una riunione di carbonari d’altri tempi. Così segreta che nessuno dei partecipanti, di solito prodigo di comunicati stampa pro domo sua, si è fatto sentire nelle redazioni.
La forza negativa è sostenuta da disoccupazione in aumento (soprattutto giovanile), povertà dilagante, fallimenti dirompenti, chiusure di esercizi commerciali inevitabili (se chiudono anche le edicole…), attività commerciali agonizzanti. La forza positiva è solo nelle parole di Saccomanni, Enrico Letta e qualche altro che non hanno le stesse preoccupazioni di milioni di italiani.
Sorge il dubbio che queste due forze uguale e contrarie possano annullarsi!

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.