L'esordio in Borsa di Moncler ha scatenato un effetto domino impensabile 24 ore prima e secondo il parere di alcuni esperti  il made in Italy con quotazioni da capogiro che ricordano i guadagni record di colossi internet come Google, Facebook e Twitter, può essere un traino alla ripresa in Italia.  Ma c'è un made in Italy che in Europa non tira. E' quello dell'auto. In pratica il Gruppo Fiat che a novembre s'è presa un'altra sberla, soprattutto penalizzato dal mercato domestico. Comunque, Proviamo a crederci.
Vorremmo crederci. Ma non possiamo quando la Uil ci mette sotto gli occhi il suo report secondo cui i costi della politica sono saliti fino a 23 miliardi di euro, come senulla fosse. Anzi fra l'indifferenza degli stessi politici. Dal pragmatismo delle aride ma preoccupanti cifre alle utopie di possibili risparmi c'è un abisso incolmabile. Perché la politica dovrebbe  risparmiare  3,2 miliardi di euro dall'accorpamento dei Comuni, 1,5 miliardi da una sobria gestione delle Regioni, 1,2 miliardi dalla razionalizzazione degli apparati statali e dovrebbe utilizzare 1,2 miliardi per le Province solo per i loro compiti di legge.
Ma se la politica non è riuscita ancora una volta ad eliminare il finanziamento pubblico dei partiti come potrà avere la forza e la capacità di fare il resto. Eliminarlo da quì al 2017 ci è sembrato solo un escamatoge per tenerlo ancora in vita. Proviamo a crederci. Campa cavallo…

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.