Kimi e Felipe separati in casa

Kimi e Felipe separati in casa

Australia, 18 Marzo 2007. Prima gara della stagione di F.1. Commenti generali del giorno dopo “Kimi Raikkonen ha vinto alla Schumacher: pole, giro veloce e vittoria”. Spagna, 13 Maggio 2007. Commenti generali del giorno dopo “Felipe Massa ha vinto alla Schumacher: pole, giro veloce e vittoria”.
O ci sono troppi cloni di Michael in giro o ci sono troppi commentatori che non hanno fantasia per argomentare.
E’ pur vero che questo Massa assopigliatutto sta scombussolando i piani della Ferrari che ha voluto Raikkonen per sostituire Schumacher. Kimi è stato preso come prima guida della Rossa. Non ci sono dubbi. Dopo la prima magnifica vittoria ha incontrato qualche problema di ambientamento non solo per quanto riguarda il mondo Ferrari che non è quello McLaren ma anche nel rapporto con la monoposto e le gomme Bridgestone che non ha mai usato. Massa partiva da presupposti diversi, lo dimostra e raccoglie frutti più copiosi. Comunque Raikkonen al Catalunya stava facendo una buona gara della quale non conosceremo mai gli sviluppi e gli esiti perché cacciato fuori dall’elettronica. Ed ha perso il primo appuntamento con i punti e si ritrova quarto nella graduatoria piloti.
Sarebbe, a mio avviso, azzardato, se la Ferrari gli togliesse il bastone del comando per darlo a Massa non solo perché il campionato è appena all’inizio e certe rondini di vittoria potrebbero non fare la primavera del titolo iridato, ma anche e soprattutto perché Iceman rimane pilota più completo del compagno di squadra sotto tutti i punti di vista.
Al Massa “spagnolo” personalmente riconosco le doti del giocatore d’azzardo che vince o perde con la stessa nonchalance. Non si è fatto intimidire da Alonso in quella prima curva, è vero. Ma immaginate cosa sarebbe potuto succedere se Alonso non avesse deciso per l’escursione “fuori porta” dopo il suo iniziale azzardo e avesse continuato a tenere la linea impostata. Il patatrac con la Ferrari che aveva accanto sarebbe stato inevitabile e nessuno può dire quante altre monoposto avrebbe potuto coinvolgere in un così repentino incidente in quel momento e in quel tratto del circuito.
Bravo Massa. Bravo Alonso. Fosse successo il peggio i commentatori avrebbero fatto fatica a distribuire colpe e certamente la conclusione del Gran Premio di Spagna sarebbe stata diversa. Insomma è andata bene a tutti tranne che a Raikkonen fermato dall’elettronica. La prima volta che una Ferrari da tempo manca in affidabilità.
Bravo anche Lewis Hamilton, matricola di lusso e leader della graduatoria piloti. Hamilton in McLaren, dove c’è la parte britannica che è dalla sua parte visti i risultati, crea gli stessi problemi ad Alonso, a favore del quale c’è la parte tedesca del team, che Massa crea in Ferrari a Raikkonen. Problemi di leadership. Ron Dennis e Jean Todt hanno già difficoltà di comunicazione con i media. Ma nella loro testa sanno cosa fare. Dubito che seppure abbagliati dai nuovi astri abbiano perso il ben dell’intelletto! (ore 15:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply