Colonia – Direttamente dal mondiale Superbike nasce la più avanzata versione stradale dell’Aprilia RSV4, la moto 1.000 cc V4 italiana in cima alla classifica del campionato mondiale Wsbk riservato alle derivate di serie. La RSV4 Factory Abs model year 2013 è la sintesi tecnologicamente più estrema di un progetto che ha cambiato la storia della moto supersportiva. Due titoli mondiali Superbike, venti vittorie, quarantasette podi. Aprilia RSV4 è una leggenda tra le supersportive. Il suo esclusivo quattro cilindri 1.000 cc a V stretta che la rende unica al mondo, la ciclistica impeccabile e il più evoluto sistema di controlli elettronici disponibile sul mercato l’hanno condotta al dominio sia in pista, sia nelle prove comparative della più qualificata stampa specializzata internazionale.
In molti hanno provato a scalzarla dal gradino più alto del podio e da oggi l’impresa sarà ancora più difficile: la nuova RSV4 Factory Abs è la più potente, sicura, tecnologicamente avanzata e aggressiva RSV4 mai realizzata. Equipaggiata col nuovo ed evolutissimo Abs sportivo multimappa disinseribile, Aprilia RSV4 Factory Abs vanta anche un incremento di potenza che porta l’ormai celeberrimo 4 cilindri a V stretta da un litro a esprimere la potenza di 184 cv (135,3 Nm) e la coppia di 117 Nm a 10.500 giri. Anche l’Aprc, il pacchetto di controlli elettronici sviluppato direttamente da Aprilia Racing (il reparto corse europeo più vincente con 49 titoli mondiali) è ulteriormente evoluto. Un serbatoio nuovo e di maggior capienza, e una nuova ergonomia completano il quadro di una profonda evoluzione mirata a consolidare il dominio di Aprilia RSV4.
Una supremazia tecnica che trova la sintesi migliore sui campi di gara. A una sola tappa dalla fine della entusiasmante stagione Sbk 2012, che ha visto sfidarsi le più grandi marche del motociclismo sportivo, Aprilia RSV4 e il suo pilota Max Biaggi comandano le classifiche iridate. Biaggi si presenterà sul circuito francese di Magny-Cours nel prossimo week end in testa alla classifica piloti con 30,5 punti di margine su Tom Sykes (Kawasaki), 38,5 punti su Marco Melandri (Bmw) e ben 68,5 su Carlos Checa (Ducati). Nella classifica mondiale riservata ai costruttori, Aprilia con Max Biaggi ed Eugene Laverty va all’ultimo assalto al titolo forte di 28,5 punti di vantaggio su Bmw, 47,5 su Ducati, 66 su Kawasaki, 152 su Honda e 292 su Suzuki.