Milano – Leggero, scattante, agile. K-Pipe spalanca le strade alla nuova dimensione del divertimento. E costa soltanto 1.600 euro, già disponibile nella rete dei rivenditori Kymco.
Leggerissimo con i suoi 103 kg, è l'ideale compagno per chi inizia a guidare ma anche per chi, invece, vanta già la malizia necessaria per sfruttarne la massa così ridotta e avventurarsi in piccole evoluzioni. K-Pipe 125, infatti, è incredibilmente maneggevole, pronto a tutto per assecondare il pilota. Il K-Pipe ha un look che si ispira alle biciclette da Bmx e da freeride, icone di puro divertimento. Ogni particolare è disegnato per essere funzionale e allo stesso tempo affascinante.

CICLISTICA
La vista d'insieme esalta le sovrastrutture, disegnate attorno al solido e sinuoso telaio in acciaio. Rigido e leggero, è il fulcro della ciclistica e del progetto, perché garantisce quote votate alla maneggevolezza e alla facilità di guida, oltre a una intrinseca capacità di assorbire le vibrazioni e distribuire i carichi.
Anche le sospensioni assecondano lo spirito fun del K-Pipe: la forcella telescopica con steli di 31 mm di diametro raggiunge i 110 mm di escursione, un dato significativo che dà la misura della vocazione di questa moto ad affrontare con il massimo comfort i dislivelli e le asperità della strada. Il forcellone ha due bracci principali e una scenografica capriata superiore di rinforzo, in modo da offrire la massima rigidità e trasmettere efficacemente la trazione alla ruota posteriore.
Il monoammortizzatore guida e controlla il movimento del forcellone, oltre a costituire un elemento di appeal estetico grazie alla molla colorata. I cerchi da 17 pollici sfoggiano l'elegante disegno a cinque razze sdoppiate.
I freni abbinano il disco anteriore di grande diametro (276 mm) con un'unità a tamburo posteriore, in modo da garantire allo stesso tempo potenza e facilità di gestione. Il disco, infatti, è prontissimo nella sua azione, oltre che capace di rallentare il veicolo con rapidità ed efficacia, mentre il tamburo punta sulla modulabilità, perché è pastoso, prevedibile nel suo intervento.

DOTAZIONI
La cura e l'attenzione alla funzionalità hanno costantemente ispirato i progettisti Kymco, come si evince, ad esempio, dal disegno del gruppo ottico anteriore, caratterizzato da due elementi sovrapposti ma integrati tra loro. Non soltanto questa soluzione garantisce la massima efficacia nell'illuminazione, ma ridefinisce l'impatto estetico del frontale. Il gruppo ottico posteriore, ben integrato nel codino sportivo, è incentrato su una schiera di Led, che cambiano intensità luminosa in frenata.
L'attenzione alla funzionalità è ancora più evidente nella strumentazione, compatta eppure completa.
Lo schermo a cristalli liquidi di forma rettangolare è completato da quattro spie luminose, ben visibili anche in pieno giorno. Il pilota è perfettamente informato in ogni momento, grazie alla presenza di tachimetro, contachilometri, contagiri, orologio e livello del carburante, oltre alle spie relative a indicatori di direzione, abbaglianti accesi e posizione del cambio (folle).

MOTORE
Il motore monocilindrico di 124 cc è raffreddato ad aria. Capace di 8,2 cv (6 kW) a 7000 giri/min, è un esempio di eccezionale efficienza in virtù dei consumi ridottissimi (oltre 45 km). Il serbatoio da 4,5 litri, di conseguenza, garantisce un'autonomia molto estesa per un veicolo di questa tipologia e cilindrata. Un'altra peculiarità del K-Pipe è il cambio a quattro marce con frizione automatica.

NO COMMENTS

Leave a Reply