Ingolstadt – Forza impressionante ed efficienza innovativa: la Audi S3 Sedan impone nuovi standard. Il potente motore 2.0 Tfsi 300 cv (221 kW) sviluppa una coppia di 380 Nm, pur consumando in media solo 6,9 litri di carburante ogni 100 chilometri in combinazione con il cambio S tronic. Il telaio senza compromessi e la struttura leggera accentuano il carattere dinamico di questa quattro porte.
Il cuore della Audi S3 Sedan è il motore 2.0 Tfsi con sovralimentazione turbo e iniezione diretta. Il propulsore precedente era stato nominato per cinque volte di seguito “International Engine of the Year” nella sua categoria; il nuovo 2.0 TFSI vanta valori addirittura migliori. Eroga la potenza nominale di 300 cv (221 kW) tra i 5.500 giri e i 6.200 giri. Nell’ampia fascia di regimi tra i 1.800 e i 5.500 giri, questo quattro cilindri scarica sull’albero motore una coppia di 380 Nm. In combinazione con l’S tronic, il due litri fa accelerare la S3 Sedan da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi; la velocità massima è limitata elettronicamente a 250 km/h. Nel ciclo Nedc e con S tronic la quattro porte consuma solo 6,9 litri di carburante ogni 100 chilometri, pari a emissioni di CO2 di 159 g/km.
Il 2.0 Tfsi è un motore sportivo dalle sonorità piene e accattivanti. Quando il sistema di regolazione della dinamica di marcia “Audi drive select” (di serie) è in modalità “dynamic”, la risposta del motore ai comandi dell’acceleratore è ancora più diretta; brevi  “doppiette” accompagnano i cambi marcia dell’S tronic. All’aumentare del carico e del numero di giri, le valvole acustiche nel sistema di scarico si aprono. Due alberi di bilanciamento garantiscono un’elevata fluidità meccanica.
Il turbocompressore di nuovo sviluppo aumenta la potenza: sviluppa una pressione di sovralimentazione massima di 1,2 bar e resiste a temperature dei gas di scarico fino a 1.000 gradi C. Un potente intercooler riduce sensibilmente la temperatura dell’aria compressa, aumentando così la massa d’aria utilizzabile nella combustione. La valvola wastegate a gestione elettronica è molto  rapida e precisa; ai carichi parziali riduce la pressione di sovralimentazione di base e di conseguenza anche la contropressione dei gas di scarico facilitando così il ricambio dei gas.
Ulteriori tecniche Audi appartenenti al sistema d’efficienza modulare contribuiscono a mantenere bassi i consumi del 2.0 Tfsi. Una di esse è l’iniezione indiretta supplementare che integra l’iniezione diretta di benzina Fsi, riducendo al minimo i consumi e le emissioni di particolato in condizioni di carico parziale. L’iniezione Fsi entra in azione in partenza e ai carichi più elevati.
Con l’innovativo sistema di gestione termica, due valvole a saracinesca, raggruppate in un unico modulo, regolano il flusso e la temperatura del refrigerante. Fanno sì che l’olio motore raggiunga la temperatura d’esercizio ottimale il più velocemente possibile dopo l’avviamento. Il collettore di scarico è integrato nella testata; si tratta di un’ulteriore soluzione che accelera il riscaldamento del motore dopo l’accensione a freddo e abbassa la temperatura dei gas di scarico. La riduzione dell’attrito grazie a un nuovo rivestimento delle camicie dei pistoni, i cuscinetti degli alberi di bilanciamento, la pompa dell’olio con regolazione in base al fabbisogno e il sistema Start&Stop rappresentano ulteriori accorgimenti a favore dell’efficienza.
Per la trasmissione della forza sono disponibili un cambio manuale a sei marce e l’S tronic a sei marce. In entrambi i cambi le marce inferiori ravvicinate rispecchiano un carattere sportivo, mentre il rapporto lungo della marcia più alta abbassa il numero di giri e conseguentemente i consumi. L’S tronic esegue il cambio di marcia in modo rapido e quasi impercettibile nelle modalità automatiche D e S, oppure è possibile l’azionamento diretto da parte del conducente tramite i bilancieri opzionali al volante.
Il “launch control” (solo con S tronic) gestisce le partenze da fermo, trasmettendo la forza del motore sulla strada con uno slittamento controllato degli pneumatici. Un’altra peculiarità del cambio a doppia frizione è il passaggio in folle per risparmiare carburante, che si attiva quando “Audi drive select” è in modalità “efficiency” e il conducente rilascia il pedale dell’acceleratore.
Con telaio sportivo S la carrozzeria della S3 Sedan è più bassa di 25 millimetri rispetto alla A3 Sedan. L’handling assume un carattere ancora più sportivo grazie allo sterzo progressivo di serie. La sua cremagliera è progettata in modo tale da consentire un rapporto di trasmissione sempre più diretto durante la sterzata. Tale caratteristica si riflette in una maggiore sterzabilità durante il parcheggio e nel traffico urbano, mentre con una guida più veloce e sportiva lo sterzo si distingue per la precisione. Il servosterzo in funzione della velocità consente di ottenere caratteristiche di sterzata ottimali in qualsiasi situazione di guida.
Lo sterzo interagisce con diversi sistemi di assistenza a bordo della S3 Sedan, come il Break warning di serie o gli optional Audi active lane assist e assistenza al parcheggio.
I grandi dischi freno anteriori hanno diametro di 340 millimetri; sulle pinze nere (rosse a richiesta) figura l'emblema S3. Il controllo elettronico della stabilizzazione Esc si presenta in un nuovo grado di evoluzione con una regolazione sportiva e sensibile.
La dotazione di serie della Audi S3 Sedan include anche il sistema di regolazione della dinamica di marcia “Audi drive select” che gestisce la modalità di funzionamento dell’acceleratore, del servosterzo e del cambio S tronic (a richiesta). Tramite un pulsante il conducente può scegliere tra le modalità comfort, auto, dynamic, efficiency o individual. In modalità “individual” il guidatore può definire un proprio profilo preferito.
“Audi drive select” influisce anche sul sistema opzionale di regolazione degli ammortizzatori “Audi magnetic ride”. Nei pistoni degli ammortizzatori circola un olio idrocarburico sintetico contenente microscopiche particelle magnetiche. Applicando tensione a una bobina viene generato un campo che fa orientare le particelle trasversalmente alla direzione del flusso dell’olio, rallentandone il passaggio attraverso i canali del pistone.
La centralina del sistema analizza continuamente lo stile di guida del conducente e le condizioni del fondo stradale adattando le forze ammortizzanti nell’arco di pochi millisecondi. Il conducente può scegliere tra tre diverse modalità. In modalità automatica la dinamica quattro porte procede armoniosamente e in quella comfort offre una marcia relativamente morbida. In modalità “dynamic”, invece, è tutt’uno con la strada. Lo specifico supporto delle ruote rende ancora più neutro il comportamento autosterzante e ancora più precisa la risposta dello sterzo.
Sulla Audi S3 Sedan è di serie anche il volante sportivo in pelle con emblema S3. A richiesta è disponibile un volante sportivo in pelle multifunzione con corona appiattita; in combinazione con l’S tronic è possibile richiedere come optional i bilancieri al volante con applicazioni d’alluminio. Altre caratteristiche specifiche delle versioni S sono i pedali e il poggiapiedi in acciaio inox spazzolato, gli anelli rossi sul tasto start/stop e sulla leva del cambio automatico dal design speciale. Completano il quadro esclusivo e pregiato i listelli battitacco in alluminio con emblemi S3.
Fanno parte della dotazione di serie della S3 Sedan l’impianto antifurto, il climatizzatore automatico comfort, i fari xeno plus e il pacchetto portaoggetti e vano bagagli. Il vertice della gamma degli elementi di infotainment è costituito dal sistema di navigazione Mmi plus con “Mmi touch”; grazie al suo componente aggiuntivo Audi connect e al velocissimo standard Lte è possibile utilizzare a bordo i servizi Internet su misura del marchio. Anche la gamma di sistemi ultramoderni d’assistenza per il guidatore rispecchia il carattere innovativo di quest’auto che sarà disponibile dalla primavera 2014.