Oxford – Arriva la nuova edizione dell’originale compatta premium inimitabile. Lo sviluppo evolutivo del design esterno con il linguaggio formale, le proporzioni e l’architettura della scocca sono tipici del marchio. Sono presenti i caratteristici stilemi, come la calandra del radiatore esagonale, i gruppi ottici e le luci posteriori con grossa cornice cromata, oltre alla nuova interpretazione dell’indicatore laterale di direzione e della fascia nera che avvolge la carrozzeria senza soluzione di continuità, accentuata ulteriormente dalla lavorazione delle superfici circostanti.
Gruppi ottici disegnati ex novo, optional a LED con anello di luce diurna e indicatore di direzione integrato, come a richiesta sono le luci posteriori LED, il pacchetto luci opzionale con luce interna a LED e luce d’ambiente arancione.
Rispetto al modello precedente, la lunghezza aumenta di 98 millimetri, la larghezza di 44 millimetri, l’altezza di 7 millimetri, il passo guadagna 28 millimetri e la carreggiata cresce di 42 mm all’anteriore e di 34 mm al posteriore.
Del tutto nuova la costruzione del sedile con campo di regolazione ampliato nei sedili anteriori e superficie di seduta allungata nel divanetto posteriore (+23 millimetri) che si traduce in maggiore spazio per le spalle e le gambe e comfort di accesso per i passeggeri della zona posteriore. Cresce anche il volume del bagagliaio aumentato di 51 litri a 211 litri.
Al momento di lancio saranno disponibili tre varianti di modello: Mini Cooper con motore a benzina tre cilindri da 100 kW/136 cv e prezzo di 20.700 euro, Mini Cooper S con motore a benzina quattro cilindri da 141 kW/192 cv a 24.950 euro e Mini Cooper D con motore diesel tre cilindri 85 kW/116 cv a 21.950 euro. Di serie è disponibile il cambio manuale a sei rapporti e, come optional, ci sono il cambio automatico a sei rapporti oppure il cambio automatico sportivo, entrambi sviluppati ex novo.
L’ottimizzazione delle prestazioni di guida non ha inficiato sulla riduzione del consumo di carburante. Il progresso più grande è stato realizzato nella Mini Cooper equipaggiata con cambio automatico: accelerazione da 0 a 100 km/h migliorata di 2,6 secondi e consumo di carburante abbattuto del 27%. La Mini Cooper D invece presenta i più bassi valori di consumo di carburante e di CO2 della gamma: 3,5-3,6 litri/100 km, 92-95 g/km.
Grazie ad ampi interventi di ottimizzazione della tecnica di assetto, accompagnati dalla riduzione del peso e dall’incremento della rigidità, aumenta l’intensità del tipico “go-kart feeling” Mini. Troviamo un nuovo asse anteriore McPherson con braccio oscillante in alluminio e supporto degli assali e bracci trasversali in acciaio altamente resistente; nuovo asse posteriore multilink in lega leggera ottimizzato con geometria a basso ingombro; servosterzo elettromeccanico ulteriormente perfezionato, equipaggiato di serie con Servotronic; Dynamic Stability Control (DSC) di serie con Dynamic Traction Control (DTC) ed Electronic Differential Lock Control (EDLC) inclusi, nella Mini Cooper S anche con Performance Control; nuova taratura delle molle e ammortizzatori con cuscinetti di supporto a tre direzioni; e come optional, per la prima volta, il Dynamic Damper Control.
Grazie al nuovo optional Mini Driving Modes poi, è possibile variare la taratura della vettura attraverso una manopola inserita alla base della leva del cambio o del selettore di marcia. Oltre all’impostazione standard ”MID Mode” sono attivabili le modalità “SPORT” e “GREEN”. La modalità di guida influenza la linea caratteristica del pedale dell’acceleratore e dello sterzo e, qualora disponibile, anche i tempi di cambio-marcia del cambio automatico e del Dynamic Damper Control. In combinazione con il cambio automatico, nella modalità GREEN è disponibile la funzione sailing al regime minimo del motore e catena cinematica separata.
Quanto agli interni, da segnalare il nuovo concetto di visualizzazione e di comando, con la strumentazione combinata montata sul piantone dello sterzo con indicazione della velocità e del numero di giri, mentre il display a colori visualizza lo stato della vettura e la riserva di carburante. La strumentazione centrale presenta con contenuti nuovi e rappresentazione a colori attraverso un anello a LED che fornisce un feedback ottico all’attivazione di numerose funzioni. Di serie il display è TFT a quattro righe oppure, come optional, c’è il display a colori fino a 8,8 pollici.