Verona – Dopo l’arrivo della Leon ST, la Seat amplia ulteriormente la gamma della compatta con l’introduzione della versione a metano. Il motore 1.4 turbo a iniezione diretta di nuova concezione può essere alimentato sia a benzina sia a metano.
La nuova Leon 1.4 Tgi è stata progettata per funzionare con gas naturale compresso (Cng) e rispetta già la normativa europea sull’inquinamento Euro 6: alle emissioni, che si attestano a 94 grammi di CO2, si aggiunge anche il risparmio derivato dal prezzo del carburante. Il propulsore eroga 110 cv (81 kW) di potenza e una coppia massima di 200 Nm, disponibile già a 1.500 giri. Oltre alla massima efficienza, la Leon Tgiu promette anche prestazioni eccezionali: 10,9 secondi per passare da 0 a 100 km/h e una velocità massima di 194 km/h. Il propulsore bivalente fa registrare consumi che si attestano a soli 3,5 kg/100 km di metano a fronte di 94 g/km di emissioni di CO2.
Anche l’autonomia offerta è degna di nota: circa 400 chilometri con il metano e oltre 900 chilometri con la benzina. Con un pieno, i due serbatoi situati sotto il vano bagagli hanno una capacità complessiva di 15 kg di metano e 50 litri di benzina, la Leon Tgi può percorrere fino a 1.300 chilometri.
La nuova Leon a metano offrirà le medesime dotazioni della versione 5 porte, a cui si aggiungeranno le bombole per il metano con una capacità globale di 97 litri, il logo Tgi sul portellone, il sistema start/stop e di recupero dell’energia in frenata e lo specchietto retrovisore interno antiabbagliamento. Per quanto riguarda gli equipaggiamenti disponibili su richiesta, la nuova Leon Tgi potrà essere equipaggiata con tutti gli optional presenti a listino per la versione Style, fatta eccezione per i cerchi in lega da 17 pollici, il ruotino di scorta, il Seat Sound System, i rivestimenti in pelle e il tetto panoramico.
La Leon Tgi sarà disponibile a partire da marzo 2014 nella versione Style cinque porte a 22.780 euro e dalla fine del prossimo anno anche nella versione familiare (ST).