Parigi – Nella Ville lumière è nato un Cactus. Non al Jardin des plantes nel V arrondissement, sulla Rive Gauche della Senna. E' nato a Le Bourget. Suo esatto nome di battesimo Citroen C4 Cactus. E' la versione di serie, che entrerà in produzione a fine aprile, sarà lanciata a marzo al Salone di Ginevra ed arriverà sul mercato a luglio, della concept car presentata al Salone di Francoforte nel settembre 2013.
E' l'auto-manifesto che inaugura la nuova stagione della gamma parallela alla DS, dalla C1 alla C5 per differenziarsi ancora di più dalla reinterpretazione della Dea. C4 Cactus nasce da una nuova filosofia che fonda la sua scuola di pensiero sul "sempre meglio" e non più "sul sempre più". Filosofia che attua quattro strategie: design, comfort, tecnologia utile, budget contenuto. Non aspettatevi un low cost se è vero che da indiscrezioni la forbice dei prezzi sarà tra i 14mila e i 24mila euro.
Lunga metri 4,16, larga 1,73, alta 1,48 e con lo stesso passo di C4 che sostituisce (m 2,60) C4 Cactus ha silhouette da berlina compatta, profilo valorizzante con 1/3 di superfici vetrate e 2/3 di fiancate, sbalzi ridotti, con le ruote posizionate esattamente ai quattro angoli della carrozzeria, tetto panoramico di grandi dimensioni (dotato di trattamento termico ad alte prestazioni che lascia passare la luce e isola dal calore, protegge dai raggi UV), cofano in alluminio, vetri posteriori con apertura a compasso.
<<Lo stile unico di C4 Cactus – ha spiegato con malcelato orgolio alla stampa internazionale Frédéric Banzet, direttore generale di Citroensi identifica e si memorizza facilmente, come per tutte le auto che hanno segnato un’epoca. Si distingue grazie a superfici essenziali e lisce, volumi fluidi che allontanano qualsiasi forma di aggressività, montante posteriore e tetto "flottanti", firma luminosa tecnologica ed esclusiva, caratterizzata da fari a Led diurni e proiettori integrati negli Airbump, elementi grafici in grado di valorizzare il design della vettura esaltandone al contempo la funzionalità>>.
Un'aria più da crossover a ruote alte che oggi piace tanto che da berlina. Caratterizzazione enfatizzata anche gli Airbump delle fiancate e dei paraurti che hanno il compito di proteggere l'auto da urti e graffi. Sono realizzati con materiale sintetico, contengono delle piccole camere d'aria e possono essere personalizzati per dare alla C4 Cactus un colore a scelte del cliente.
Innovativa fuori, altrettanto innovativa nell'abitacolo. La plancia è una sottile, elegante, funzionale mensola; l'airbag del passeggero è alloggiato nel padiglione; vano portaoggetti “Top Box” ad apertura verticale; eliminazione dei comandi a pulsante in favore di uno schermo touch screen 7 pollici in grado di raggruppare tutte le principali funzioni (climatizzazione, multimedialità, navigazione, impostazioni, telefono, connettività e servizi di assistenza alla guida); display digitale al posto del quadro strumenti tradizionale; per le versioni con cambio pilotato Etg, la leva del cambio tradizionale è stata eliminata a favore del sistema “Easy Push”, comando semplificato che permette la gestione del cambio pilotato tramite i tre pulsanti “D,N,R” posti nella parte bassa della plancia, consentendo inoltre di cambiare rapporto manualmente tramite le palette al volante. 
Soluzioni che garantiscono più spazio e meno peso (15 chili almeno per un peso complessivo inferiore a mille chilogrammi, 965).
Tra i sistemi di assistenza alla guida il sistema Park Assist che aiuta nella ricerca del parcheggio, ed effettua una manovra automatica dopo averlo individuato (al conducente rimangono da gestire unicamente l’accelerazione e la frenata); telecamera di retromarcia (mostra le immagini sullo schermo Touch Pad 7 pollici); Hill assist (tiene automaticamente il veicolo fermo per 2 secondi, permettendo di ripartire facilmente su pendenze superiori al 3% senza rischio di retrocedere quando si rilascia il pedale del freno); funzione Cornering Light (aggiunge un fascio di luce supplementare all’interno della curva e aumenta la visibilità e la sicurezza in curva e agli incroci); servizio Citroen eTouch (comprende un sistema di chiamata d’emergenza e di assistenza localizzata, due servizi gratuiti e disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7, grazie a una scheda Sim integrata, in grado di garantire una localizzazione precisa e un intervento rapido dei soccorsi in caso di incidente o di malore); tergicristalli con tecnologia ”Smart Wash” (un’innovazione semplice e intelligente che permette di eliminare il disturbo visivo dovuto al lavaggio del parabrezza: i diffusori del liquido lavacristalli sono integrati nelle estremità delle spazzole tergicristallo, in modo da erogare solo un sottile strato di liquido).
Con Multicity Connect C4 Cactus propone una serie di utili applicazioni per rimanere sempre connessi. Queste applicazioni, specifiche per l’utilizzo in auto e facilmente utilizzabili tramite lo schermo Touch Pad 7 pollici, semplificano la vita del conducente e dei passeggeri: portano alla stazione di servizio più vicina e/o più economica grazie all’applicazione “Carburante”; permettono di cercare un hotel o un ristorante con l’ applicazione “Trip Advisor”; > informano sullo stato della circolazione grazie all’applicazione “Michelin Traffico”; segnalano le zone di circolazione a rischio grazie all’applicazione “Coyote”.
I motori saranno di ultimissima generazione, di cilindrata contenuta e compatibili con le future normative Euro 6 (motori benzina VTi ed e-VTi, Diesel BlueHDi ed e-HDi dotati di stop&start di ultima generazione) che con l'unità più performante sono in grado di garantire soli 89 grammi di CO2 per chilometro e consumo di soli 3,4 litri per fare 100 chilometri.

SHARE
Renato Cortimiglia
Fondatore di AutoMotoNews, ha lavorato in Gazzetta del Sud con vari incarichi, tra cui la responsabilità della pagina motori. Vincitore di numerosi premi e insignito di diversi riconoscimenti per l’attività divulgativa svolta nel mondo automotive, in particolare per la sicurezza e l’ecologia.