Goodwood – Peugeot alza il velo sulla 208 GTi 30th in occasione del Festival of Speed di Goodwood. 30 anni dopo la 205 GTi reinterpreta il mito in una versione più radicale della sportiva 208 GTi. La 208 GTi 30th offre sensazioni di guida più intense con il suo nuovo motore 1.6 THP Euro 6 che sviluppa 208 cv e una coppia fino a 300 Nm. E’ associato a un cambio manuale a 6 marce, a un differenziale a slittamento limitato Torsen e a collegamenti al suolo specifici, per offrire una motricità e un’efficacia inedite. Il temperamento sportivo e deciso emerge anche nella postura e nell’aspetto della vettura, soprattutto nella sua livrea in due materiali, delimitati da un taglio netto. Sarà presentata al pubblico al prossimo Salone dell’Auto di Parigi e la commercializzazione inizierà in novembre.
Il temperamento esclusivo e più radicale della 208 GTi 30th emerge immediatamente. L’assetto ribassato di 10 mm, le carreggiate allargate di 22 mm nell’anteriore e di 16 mm nel posteriore, le grandi ruote in evidenza le conferiscono una posizione più incollata alla strada e rivelano senza equivoci la sua destinazione sportiva.
Di profilo, la postura ribassata è sottolineata dal nero scuro delle parti inferiori della carrozzeria e dei codolini a sbalzo sulle ruote inedite da 18", i cui cerchi nero opaco accolgono sull’anteriore grandi pinze dei freni rosse specifiche, firmate Peugeot Sport. Anche la finitura dei bordi del vetro, che termina con una firma che rende omaggio all’illustre 205 GTi, si riveste di nero opaco, mentre la modanatura del pannello laterale posteriore sfoggia il logo 208 GTi 30th. Nel posteriore, lo scarico termina con un doppio terminale cromato dalla forma arrotondata, che definisce la sonorità del nuovo motore abbinato ad un impianto di scarico rilavorato.
Per quanto riguarda la motricità, la potenza e la coppia sono trasmesse alle ruote attraverso il cambio manuale a 6 marce, dotato di una rapportatura specifica, e a un differenziale a slittamento limitato Torsen – entrambi derivati dalla RCZ R – che permettono di sfruttarne tutto il potenziale. L’Esp e l’antipattinamento sono stati ricalibrati, per essere meno intrusivi nella guida, per liberare motricità e permettere al Torsen di lavorare. L’apporto del differenziale Torsen e della barra antirollio ridotta sull’anteriore si sente soprattutto nelle accelerazioni in curva, perché permette di mantenere le traiettorie strette e nelle fasi di frenata conferisce maggiore stabilità.
Il baricentro ribassato e una geometria dell’insieme ruote/sospensioni ridefinita (carreggiate, campanatura, incidenza, cerchi più larghi di 0,5 pollici) insieme agli pneumatici Michelin Pilot Super Sport 205/40 ZR 18 ottimizzano l’aderenza e garantiscono un’eccezionale tenuta di strada.
Anche lo sterzo è stato sottoposto a un importante lavoro di taratura in circuito e su strada. L’obiettivo era di ottenere una servoassistenza lineare rispetto alla caratterizzazione della vettura, tenendo conto degli effetti indotti dal Torsen. Abbinato a nuove leggi di ammortizzazione e di rigidità delle molle, e a una centratura della barra antirollio più arretrata, lo sterzo offre un buon ritorno di informazioni e tutto l’insieme assicura precisione e agilità.
La 208 GTi 30th può contare su un impianto frenante all’altezza delle prestazioni raggiunte. I dischi anteriori di 323 mm di diametro e di 28 mm di spessore sono abbinati a pinze Brembo fisse a quattro pistoncini. Il temperamento sportivo della 208 GTi 30th si esprime anche nei numeri : da 0 a 100 km/h in 6,5 secondi e i 1000 m partenza da fermo in 26,5 secondi. Anche le riprese sono di altissimo livello e si passa da 80 a 120 km/h in 6 secondi in 5° marcia.