Tutta nuova la versione 2008 della supersportiva Kawasaki Ninja ZX-10R. Abbandonate le linee morbide e panciute che l’hanno caratterizzata in questi ultimi anni, la più potente delle verdone esordisce con una carenatura attillata e spigolosa, testimonianza del vento di rinnovamento che spira ad Akashi da un po’ di tempo a questa parte. A spingerla è il “solito” quattro cilindri in linea da 998 cc, ma gli interventi per migliorarlo sono stati parecchi ed hanno interessato quasi tutta la meccanica: nuovo l’albero motore alleggerito di un chilo, nuovi i condotti di aspirazione ovali con doppia farfalla e doppi iniettori, nuove e più piccole le valvole di scarico, ora realizzate in titanio come quelle di aspirazione, nuovi anche gli alberi a camme che presentano alzate e profili differenti. Modificati, infine, anche i rapporti del cambio che, insieme ad una trasmissione finale più corta, migliorano ulteriormente le doti di accelerazione e ripresa consentite dai 188 cv erogati in condizioni normali, che diventano addirittura 200 con l’air-box messo in pressione dal sistema RAM di aspirazione. Altra grande novità è rappresentata dall’adozione del dispositivo KIMS (Kawasaki Ignition Management System), un sistema che registra gli improvvisi incrementi del regime di rotazione del motore associandoli agli slittamenti della ruota motrice e reagisce ritardando l’accensione per ripristinare la trazione, evitando al pilota le conseguenze di una perdita di aderenza per derapata. Questo, insieme alle nuove quote ciclistiche – l’interasse passa da 1.390 a 1.425 mm – ed alla differente curva di erogazione che caratterizza il propulsore, contribuisce in maniera determinante a rendere la Ninja ZX-10R estremamente più amichevole e facile da portare al limite delle sue antenate; con grande beneficio tanto per la sicurezza del pilota, quanto sui tempi sul giro in pista. Merito anche di un telaio rinnovato condito da un reparto sospensioni di alto livello, con una nuova forcella Kayaba a steli rovesciati da 43 mm di diametro rivestiti in DLC, con molle nella parte inferiore che lavorano completamente immerse nell’olio e monoammortizzatore posteriore con regolazione separata per alte e basse velocità di compressione. Reparto freni affidato a una coppia di dischi semiflottanti con disegno a margherita da 310 mm di diametro morsi da pinze Tokiko a quattro pistoncini ed attacco radiale; al posteriore lavora un disco singolo a margherita da 220 mm con pinza flottante a doppio pistoncino contrapposto. Oltre all’immancabile verde Kawasaki (Lime Green) la Ninja ZX-10R versione 2008 sarà disponibile in altre due colorazioni denominate Pearl Wildfire Orange e Metallic Diablo Black. Il prezzo non è ancora ufficiale, ma si parla di 13.700,00 Euro, franco concessionario