Monaco di Baviera – Nel segno del successo e della continuità: al prtossimo Salone di Francoforte Mini presenterà la Coupé Concept un’anteprima estremamente interessante dello sviluppo futuro della famiglia di modelli. Mini Coupé Concept riunisce in sé numerose caratteristiche che supportano uno stile di guida sportivo e impegnato. La configurazione della vettura a due posti e l’applicazione coerente del lightweight supportano un concetto di Coupé destinata alla guida fortemente dinamica. Le dimensioni compatte, una ripartizione equilibrata delle masse tra gli assi e un baricentro basso offrono le premesse ideali per elevare l’agilità tipica di una Mini a un livello finora mai raggiunto. Il design della Coupé Concept esprime un entusiasmo autentico per la mobilità individuale ed è dedicato interamente al puro divertimento di guida. Delle proporzioni atletiche e un linguaggio formale dinamico destano il desiderio di mettersi immediatamente al volante. L’immagine sportiva e moderna dello studio riflette il carattere autentico del brand.
 Lo studio consente d’integrare come motorizzazione anche quella attualmente più potente della gamma. Grazie al propulsore turbo Twin-Scroll da 1,6 litri della Mini John Cooper Works che pulsa sotto il cofano motore, la Concept Car è pronta per marcare dei nuovi primati sportivi. Il motore quattro cilindri eroga 211 cv e genera una coppia massima di 260 Newtonmetri, potenziabile attraverso la funzione di overboost a 280 Newtonmetri. Equipaggiata con questo propulsore, la Coupé Concept offre così le premesse ideali per superare anche le prestazioni di guida della John Cooper Works. In più, lo studio considera anche la strategia di sviluppo Efficient Dynamics del Bmw Group.
L’affinità alla famiglia Mini viene accentuata soprattutto dal modulo frontale della vettura nel quale sono stati integrati numerosi stilemi e dettagli tipici del marchio. Il carattere individuale della Coupé Concept si rivela soprattutto nella vista di profilo e nel disegno della coda. La due posti misura 3.714 millimetri in lunghezza e 1.683 millimetri in larghezza. L’altezza della vettura è di 1.356 millimetri. La Concept Car ha ripreso le caratteristiche inconfondibili della vista frontale dalla Mini a quattro posti. Il disegno equilibrato del cofano motore, caratterizzato da grandi raggi, generosi gruppi ottici, la forma omogenea della griglia del radiatore e una larga presa d’aria inferiore formano la tipica mimica di ogni modello del marchio che anticipa uno spirito aperto e simpatico. L’inclinazione più accentuata del parabrezza della Coupé Concept, dovuta alle particolarità del concetto, le dona anche in questa prospettiva un’immagine marcata e indipendente. La vettura si presenta molto bassa, segnalando la propria indole altamente dinamica all’interno della famiglia Mini.
La griglia esagonale del radiatore e i grandi proiettori circolari sono degli stilemi inconfondibili che offrono un’interpretazione moderna degli elementi del modulo frontale della Mini classica. I lampeggiatori direzionali sono stati integrati nei gruppi ottici, sotto i quali sono state inserite le cornici tridimensionali delle luci di posizione e dei fari fendinebbia. L’intera sezione della minigonna anteriore è stata adattata all’immagine sportiva della vettura e la rende più larga e marcata. Nella Coupé Concept la griglia del radiatore è identica a quella della Cooper S. La parte interna della calandra presenta delle lamelle in tinta con la carrozzeria che creano una netta distinzione estetica tra la Coupé Concept e gli altri membri della famiglia. Le Bonnet Stripes si estendono fino alla calandra, così da accentuare l’ispirazione sportiva. Anche il cofano motore bombato che segnala la potenza del propulsore e l’apertura stilizzata sono identici al disegno delle varianti ad alta potenza della Mini.
Anche nella vista di profilo gli stilemi Mini e il disegno indipendente della Coupé Concept creano un’unità armonica. Le fiancate anteriori dello studio sono state riprese dalla Cabrio senza apportarvi nessuna modifica. Anche il bordo diagonale della scocca che si estende tra il cofano motore e la cornice del lampeggiatore direzionale nello stile della Cooper S è uno stilema con delle radici storiche. Nella Mini classica in questo punto veniva applicato il cordone visibile di saldatura della scocca. L’immagine familiare risultante da questi elementi di design tradizionali crea un raffinato contrasto con la forte inclinazione del montante A dal quale nasce la linea del tetto dall’andamento completamente nuovo.
Nella Mini, Clubman e Cabrio, le grandi ruote e un’alta linea di Greenhouse creano un’immagine muscolosa e sportiva. Il bordo nero nella sezione inferiore della carrozzeria accentua la linea compatta. Gli sbalzi tenuti corti sia nel modulo frontale che nella coda esaltano la forma atletica e segnalano così attraverso il design esterno la presenza del tipico go-kart-feeling. Nella Coupé Concept l’andamento nuovo della linea del tetto intensifica questa impressione. La sezione vetrata del padiglione, definita anche Greenhouse, è molto più sottile dei modelli di serie del marchio. La Coupé Concept si distingue per un parabrezza fortemente inclinato che sfocia dolcemente nel tetto. La linea del tetto dall’andamento inizialmente diritto si estende sopra le teste di guidatore e passeggero e trova la propria conclusione nel robusto montante C e nella coda. L’intera struttura del tetto presenta un’inconfondibile forma a ponte, realizzata per la prima volta in una Mini, composta da un robusto elemento a pilastro nel montante C e una da filigranata struttura portante che copre l’abitacolo.
Il montante C è l’espressione stilistica della robusta struttura della scocca ad elevata resistenza torsionale, che offre non solo una protezione elevata degli occupanti ma anche la tipica agilità Mini nei cambi veloci di direzione. Il solido montante C attira lo sguardo verso la corda della vettura. Contemporaneamente, il profilo della Coupé Concept descrive una silhouette cuneiforme, particolarmente marcata, risultante dalla linea del tetto discendente verso il posteriore e dalla linea del Greenhouse leggermente ascendente. La Coupé Concept trasmette l’impressione di volere scattare in avanti. Già la vettura ferma trasmette il desiderio di movimento. Il design visualizza così le caratteristiche altamente sportive della vettura. Un profilo marcato e un convogliamento preciso dell’aria grazie allo spoiler del tetto e al labbro aerodinamico della coda. Il disegno della coda della si orienta coerentemente sull’ottimizzazione del convogliamento dell’aria per promuovere sia la dinamica di guida che l’efficienza della due posti. Fedeli al principio “form follows function”, la forma dei vari elementi della scocca è stata adattata alle caratteristiche prestazionali della vettura. Il design supporta così il potenziale sportivo dell’automobile e lo visualizza con autenticità. Lo spoiler posteriore con profilo ad ala è stato inserito all’altezza del montante C e contribuisce nella zona della coda a convogliare l’aria con la massima efficienza, creando inoltre un interessante elemento di design. Il grande labbro aerodinamico copre il tetto in tutta la sua larghezza, promuovendo la deportanza nella zona dell’asse posteriore. Il lunotto descrive con eleganza una parabola discendente e trova la propria conclusione, nel tipico stile di una Coupé, in una coda corta e bassa. Anche questa forma contribuisce ad assicurare il convogliamento ottimale dell’aria e a prevenire dei vortici aerodinamicamente negativi. Per questo motivo, il labbro dello spoiler posteriore si conclude con un taglio secco. Sotto il labbro aerodinamico, la coda è strutturata come nelle altre vetture del marchio. La dominanza delle linee orizzontali e parallele accentua la carreggiata larga della vettura. Inoltre, il corpo vettura che si allarga gradualmente verso il basso, il cosiddetto stile Cascading, desta l’impressione di una carrozzeria che si appoggia solidamente sulle ruote. Anche le luci posteriori montate verticalmente e avvolte in una larga cornice cromata sono degli elementi tipici del marchio. Lo spoiler posteriore è dotato di un diffusore bipartito che assicura nel sottoscocca un flusso dell’aria esente da vortici.
Un’altra particolarità è costituita dal portellone posteriore della Coupé Concept. Grazie alla soppressione del divanetto posteriore, la carrozzeria della due posti offre delle capacità supplementari per trasportare del bagaglio. Il volume di carico è di 250 litri. Al fine di sfruttare in modo ottimale questo potenziale, la coda è dotata di un grande portellone posteriore con un ampio angolo di apertura. Il cofano incernierato sopra lo spoiler del tetto si apre insieme al lunotto verso l’alto, consentendo così un accesso confortevole al generoso vano di carico sul retro dei sedili della Coupé. Grazie al basso bordo di carico, viene facilitata anche l’introduzione di oggetti pesanti e ingombranti nel bagagliaio. La configurazione della coda con un grande cofano posteriore è un’ulteriore esempio del design funzionale.
Portiere a grande angolo d’apertura offrono al guidatore e al passeggero un accesso confortevole all’abitacolo, nel quale vengono accolti da sedili sportivi a guscio anatomico con cuscini laterali dalla tenuta sicura anche nella guida altamente dinamica in curva. Il volante Sport a tre razze con tasti multifunzione promuove la precisione di sterzo in curva e il comando sicuro delle funzioni audio e di comunicazione. Tutti gli altri comandi sono disposti in modo ergonomico, tenendo conto della frequenza di utilizzo. La configurazione del cockpit, della plancia portastrumenti e della consolle centrale si orienta al tipico stile Mini di allestimento interno. Le linee orizzontali e le bocchette di aerazione montate alle estremità accentuano la larghezza della plancia e, contemporaneamente, la spaziosità degli interni. La snella consolle centrale assicura al guidatore e al passeggero un ampio spazio per le gambe. La tipica struttura dei pannelli interni del porte è stata interpretata in una chiave nuova: adesso l’elemento centrale ellittico è completamente chiuso. Anche nella Coupé Concept il contagiri è montato direttamente dietro il volante, mentre l’indicatore di velocità è stato integrato nello strumento centrale nella zona superiore della consolle centrale. Lo strumento circolare, noto come Center Speedo, riunisce l’impianto audio e le funzioni opzionali di entertainment e di navigazione. Due orologi Chronoswiss incastonati a destra e a sinistra del contagiri creano un legame con le Concept Car precedenti del marchio Mini e gettano un ponte tra l’era analogica della Mini classica e l’era digitale. Uno dei due orologi è stato realizzato come cronometro che misura i tempi dei giri, mentre il secondo indica l’ora nello stile classico. Lo stile classico e sportivo si riflette anche nella selezione dei colori e dei materiali che abbelliscono gli interni. Analogamente alla plancia portastrumenti, anche il cielo del tetto della due posti è tenuto in nero. Questa selezione cromatica crea un’atmosfera tranquilla che promuove la concentrazione sulla guida. Delle modanature nere abbinate a un listello decorativo in Carbon accentuano l’ambiente puristico. (ore 09:00)

NO COMMENTS

Leave a Reply