Salone Francoforte: Opel Astra e Ampera

Salone Francoforte: Opel Astra e Ampera

0 2

Rüsselsheim –  Con il debutto della Nuova Astra al Salone dell’Auto di Francoforte, Opel offrirà una gamma di motori superefficiente con emissioni notevolmente basse per la categoria delle compatte. E, con la presenza contemporanea di un’altra star come la Ampera, Opel riconferma il suo forte impegno verso una mobilità pulita.
La nuova Opel Astra, che segna la decima generazione delle compatte Opel, sarà introdotta tra la fine del 2009 e l’inizio del 2010 con una gamma completa di otto motori con potenze variabili da 95 cv a 180 cv, motori che sono la perfetta dimostrazione della filosofia del marchio: offrire tecnologia made in Germany su tutte le versioni, garantendo reale efficienza e piacere di guida ai propri clienti. La Nuova Astra è lievemente cresciuta per offrire un interno più abitabile e, al tempo stesso, ha beneficiato di miglioramenti tecnici che hanno permesso di migliorarne tanto le prestazioni e la sicurezza quanto il rendimento.
Le motorizzazioni Astra con cambio manuale offrono prestazioni notevoli e, globalmente, comportano una riduzione del 12% di consumi ed emissioni di CO2 rispetto alla generazione attuale. Il consumo medio dei quattro motori diesel è di soli 4,6 l/100 km. Il consumo medio della gamma di propulsori a benzina è di soli 6,1 l/100 km. Il nuovo 1.4 turbo da 140 cv si inserisce nella strategia Opel del downsizing: sostituisce l’attuale 1.8 permettendo di migliorare il rendimento di quasi il 18%.
<<La nostra strategia prevede di offrire per tutta la gamma Astra motori a basso consumo ed emissioni ridotte, invece di concentrarci su un’unica singola versione a basse emissioni di CO2, magari spettacolare ma costosa – afferma Carl-Peter Forster, presidente del consiglio di amministrazione Opel – In questo modo continuiamo ad offrire riduzioni di consumo in condizioni reali, mantenendo un grande piacere di guida>>.
La gamma Astra propone motori con potenze specifiche elevate, bassi consumi ed emissioni ridotte di CO2. Tutti i motori rispettano gli standard di emissioni Euro 5 e sono accoppiati a cambi a 6 marce, salvo l’1.4 e l’1.6 a benzina aspirati e l’1.3 turbodiesel con trasmissione a 5 rapporti. Un cambio automatico a 6 marce è disponibile in opzione sui benzina l’1.4 Turbo e l’1.6 aspirato e Turbo, e sul turbodiesel 2.0.
<<Il costante miglioramento della gamma a benzina e il downsizing sono parti essenziali del nostro impegno per incrementare la nostra impronta ecologica. Siamo orgogliosi dei risultati raggiunti dalla nostra squadra di ingegneri nello sviluppo della nuova Opel Astra, – commenta Hans Demant, managing director di Opel – un’auto che grazie a questo si propone come protagonista in un settore molto competitivo come quello delle compatte>>.
La gamma dei diesel CDTI comprende motori da 1.3, 1.7 e 2.0 litri, con iniezione diretta multipla common rail e potenze variabili tra 95 cv e 160 cv. Tutti i propulsori adottano di serie il filtro antiparticolato. Perfino l’unità più potente, il 2.0 CDTI da 160 cv, ha consumi contenuti: 4,9 l/100 km in media, corrispondenti a emissioni di 129 g/km di CO2.
Una prima generazione di Astra ecoFLEX con emissioni di CO2 di 109 g/km e un consumo medio di soli 4,2 l/100 km si aggiungerà alla gamma dalla primavera 2010.  
 L’Astra 1.4 a benzina da 100cv consuma solo 5,5 l/100 km ed emette soltanto 129 g/km di CO2: dati che ne fanno la compatta a benzina più efficiente sul mercato. La strategia Opel per ridurre le emissioni di CO2 con la riduzione delle cilindrate (downsizing) è esemplificata dall’inserimento in gamma del nuovo 1.4 Turbo, che eroga 140 cv e 200 Nm di coppia disponibile tra 1850 e 4900 giri/min ed emette solo 139 g/km di CO2.  Questo propulsore sostituisce l’1.8 aspirato (140 cv/175 Nm) presente nella gamma attuale, garantendo la stessa potenza ma anche il 15% di coppia in più e con un consumo sorprendentemente basso: 5,9 l/100 km, corrispondente a un miglioramento di quasi il 18%.
La dimostrazione della leadership Opel sulla strada dell’elettrificazione dell’automobile è la rivoluzionaria Opel Ampera: una vera auto da famiglia a quattro posti, che introduce la mobilità a emissioni zero, senza le limitazioni delle auto elettriche convenzionali. Un’auto adatta per viaggi su qualunque distanza, in qualunque momento.  Opel Ampera, una 4 posti a 5 porte, utilizza l’innovativa tecnologia Voltec, differente da altri sistemi di propulsione avanzati. E’ un veicolo elettrico “extended-range” (E-REV) che usa l’elettricità della rete come fonte di energia primaria e la benzina come fonte secondaria per generare energia elettrica  ed estendere l’autonomia del veicolo. Per muoversi, Ampera utilizza la sola trazione elettrica in ogni condizione e ad ogni velocità. Per viaggi fino a 60 km (ciclo combinato), è alimentata solo dall’energia accumulata nella sua batteria al litio-ioni da 16 kWh e ha emissioni zero di CO2. La Ampera può essere ricaricata collegandola a una comune presa domestica a 220 Volt e quando l’energia della batteria diventa insufficiente, si attiva il motore-generatore a benzina che estende l’autonomia a oltre 500 km.L’avvio della produzione in serie del veicolo elettrico “extended-range” di Opel è prevista  per la fine del 2011. (ore 15:00)
 

NO COMMENTS

Leave a Reply