Roma – E’ arrivato il momento di apprezzare su strada le prestazioni della splendida Maserati GranCabrio, ultimo gioiello del Tridente.
Quattro posti veri, accoglienti, invitanti e avvolgenti. Mai il Marchio modenese aveva dato la possibilità  a un’intera famiglia o a un quartetto di amici di godersi un viaggio con i capelli al vento. Affascinante a vedersi anche perché per la capote non utilizza l’hard top, cioè il tetto in metallo ma una sofisticata copertura in tela. Sono sufficienti 282 per scoprirle il capo. Con un Cx che arriva fino a 0,30  Vettura dal design felice firmato Pininfarina con tanto dinamismo ed una sensualità  spiccata. Una linea da dream car, da vettura dei sogni, ma ugualmente concreta. Un frontale geniale, imponente, una linea di fiancata sinuosa e felina, un posteriore che parla la lingua dell’alta tecnologia con un ampio diffusore aerodinamico studiato in galleria del vento, una doppia coppia di terminali di scarico cromati. Una scultura che lancia un messaggio ai veri intenditori, una GranCabrio che si fa notare in entrambe le modalità, aperta e chiusa (e quando piove non si avverte nessun spiffero sgradito. Lo confermano i test effettuati nel rigore invernale attuale della Nuova Zelanda). L’attenzione al comfort è anche nei dettagli solo in apparenza secondari, come il dispositivo che a comando dà il via al ciclo di apertura
della capote quando si inserisce la chiave nel nottolino della portiera, rendendo possibile l’accesso con l’auto già  scoperta.
<<La voce della Maserati GranCabrio, il canto del suo otto cilindri – ha spiegato l’ex pilota di F1 Ivan Capelli – è sommessa quando si viaggia ad andatura turistica, diventa un acuto da tenore se chi sta al volante spinge a fondo. Un handling, un piacere di guida notevole, una tenuta di strada al top, con frenata pronta e trasmissione ideale dei rapporti>>. Su asfalto da Roma fino a Sabaudia e al Circeo questa novità modenese riscalda il cuore. Un viaggio in first class con seduta comoda e mai stancante. Tutto è a portata di mano, ogni tasto è al suo posto. Un cambio ZF ad hoc, 450 cv favolosi, riprese ed accelerazioni mozzafiato lontano dai centri urbani, ma tanta docilità  nei tragitti urbani. Chi alza la voce è anche l’impianto Bose, una autentica orchestra al seguito. Un vero auditorium.
Sospensioni Skyook, ottimo sistema MSP di stabilità  che non consente sconfinamenti ma una marcia ideale. Un telaio di nuova concezione. Certo il punto debole rimane sempre la capacità  del bagagliaio soltanto 175 litri, ma se si viaggia in due c’è spazio anche nei due posti posteriori per borse e affini. Il prezzo è stato fissato in 135.000 euro, mercati principali quelli Usa, Germania e Gran Bretagna, quindi Italia con una previsione di vendita per il nostro Paese di 2.000 unità .
<<Un prezzo che tiene conto anche della sapienza artigiana – ha sottolineato Luca Dal Monte, impeccabile PR di Maserati (Per l’evento ha invitato l’olimpionico Livio Berruti che si è presentato con la sua mitica maglia con la quale ha conquistato l’oro). Un ampio ventaglio di colori con la possibilità  di ottenere 2000 personalizzazioni. Una GranCabrio che allunga l’album delle scoperte di casa Maserati.
La pagella di Automotonews.
design 9
ergonomia 9
posto guida 9
plancia e comandi 9
strumentazione 9
climatizzazione 9
visibilità 9
finiture 9
equipaggiamento 9
abitabilità 9
comfort 9
bagagliaio 5
motore 9
accelerazione 9
ripresa 9
cambio 9
sterzo 9
freni 9
stabilità 9
sicurezza 9
consumo 9 (ore 9:00)

SHARE
Cenzo Baj
Nasce sulla carta stampata e si deve adattare alle nuove forme di comunicazione. Tutto, tranne i social network.