Roma – Si completa la gamma Classe E di Mercedes, grazie al lancio della nuova versione Cabrio,  una due porte scoperta con la sua classica capote in tela che affascina con le sue proporzioni nitide e la silhouette in puro stile Cabriolet.
La possibilità di utilizzare la vettura tutti mesi dell’anno è sempre stata la priorità dei progettisti Mercedes-Benz. Con la nuova Classe E Cabriolet, la stagione per viaggiare open-air non finisce mai. Infatti, mentre molte Cabriolet in autunno scompaiono dalle strade, Mercedes-Benz Classe E Cabriolet (lunghezza/larghezza/altezza: 4.698/1.786/1.402 mm) garantisce il massimo piacere di guida e comfort anche con la capote chiusa.
Tra le principali novità figurano:
frangivento automatico AIRCAP, sempre a bordo e facile da usare premendo un semplice pulsante, riduce le fastidiose turbolenze d’aria per tutti i passeggeri;
riscaldamento per la zona della nuca AIRSCARF ulteriormente perfezionato;
capote con isolamento acustico di serie.
La capote si apre e si chiude in modo completamente automatico nell’arco di 20 secondi, anche in marcia fino ad una velocità di 40 km/h. La capote della Cabriolet trova posto in un alloggiamento dietro la paratia posteriore. Un avvolgibile orientabile separa l’alloggiamento della capote dal vano bagagli; per poter chiudere il tetto questo elemento deve essere chiuso. Se la vettura rimane scoperta, è possibile far scorrere l’avvolgibile all’indietro. In questo modo, la capacità del bagagliaio aumenta di 90 litri a 390 litri. La nuova Cabriolet è dotata della possibilità di carico passante di serie, così come di un nuovo sistema meccanico per agevolare la salita e la discesa dei passeggeri posteriori, denominato dagli esperti “sistema Easy-Entry”. 
La nuova Classe E Cabriolet è all’avanguardia anche in termini di motorizzazioni: i nuovi propulsori diesel e benzina ad iniezione diretta coniugano efficienza elevata ed eccellente erogazione della potenza. L’esemplare riduzione dei consumi di questo modello è stata ottenuta grazie ai nuovi motori e ad una serie di ulteriori accorgimenti. Tra questi vanno menzionati, ad esempio, la regolazione secondo necessità della pompa del servosterzo e di alimentazione del carburante, l’utilizzo di pneumatici con bassa resistenza al rotolamento, il comando dell’alternatore in base alla situazione di marcia e alla tensione di bordo e, non ultimo, l’esemplare aerodinamica. Vantando un Cx di 0,28, la Cabriolet stabilisce un nuovo record tra le vetture del segmento, rinnovando la lunga tradizione di successi della gamma Classe E in termini aerodinamici. (ore 13:45)

NO COMMENTS

Leave a Reply