Roma – L’esterno della Freelander  presenta un nuovo look per il 2011, con il nuovo paraurti anteriore che incorpora le cornici dei nuovi fendinebbia. La griglia  ha ora due finiture, Dark Finish sulla 150 cv TD4 e Bright Finish per la 190 cv diesel e benzina. Nuovi sono anche i fari alogeni ed i gruppi ottici posteriori, con lente interna trasparente incorniciata in nero. La maniglia del portellone è in tinta con la carrozzeria, la banda che incornicia il logo a tutta larghezza è in finitura Noble. Altri particolari in tinta comprendono le maniglie delle portiere, gli ugelli lavafari, gli specchietti e – sulla SD4 e sulla i6 – anche la parte inferiore di pannelli delle portiere ed il paraurti posteriore sono di serie in tinta con la carrozzeria (in opzione sulle altre versioni). La superficie degli specchi retrovisori è aumentata del 10%, e per un tocco finale di personalizzazione, sono disponibili nuovi cerchi da 18” e 19”. Anche la scelta dei colori di carrozzeria cambia, con l’aggiunta del Kosrae Green, del Baltic Blue e del Fuji White.
Un’altra piccola e significativa modifica è stata apportata al logo Land Rover che abbandona la versione in oro su fondo verde per una più moderna in argento su verde.
Rivestiti con gli eleganti e nuovi tessuti Tofino o Resolve, in pelle Napoli, con una combinazione di pelle Napoli ed Alcantara, o di pelle Windsor con il Premium Pack, questi nuovi sedili differenziano i diversi allestimenti. E’ a scelta anche la regolazione dei sedili: manuale o con 6/4 regolazioni elettriche (8/6 per i sedili Premium Pack). Nuove combinazioni colori si accompagnano ai nuovi rivestimenti, con Ebony, Tan e Ivory e vani delle portiere armonizzati in Pvc Ebony con impunture  Ivory, e in Pvc Ebony con impunture a contrasto Tan. Quattro sono le nuove finiture della plancia: Element Silver, Element Black, Dark Chestnut e Piano Black laccato, quest’ultimo tema si ripete anche sulla pulsantiera al volante.
Al top degli opzionali troviamo il nuovo Premium Pack, con rivestimenti dei sedili di pelle Windsor in tinte Ebony, Almond, Ivory o Tan, lussuosi sedili con 8/6 regolazioni elettriche, tappetini premium e consolle centrale con coperchio. Tutte le Freelander 2 MY 2011 saranno dotate del nuovo pannello strumenti, moderno e di facile ed immediata lettura.
La Freelander 2 offre ai suoi passeggeri un ambiente realmente sicuro. La posizione di guida dominante permette la massima visibilità in ogni direzione, e la linea sottile dei montanti anteriori è progettata proprio per non compromettere in alcun modo la visibilità. Sono 9 i punti di protezione airbag : a tendina anteriore e posteriore, due anteriori, due per il torace ed uno per le ginocchia del guidatore. Il posizionamento trasversale del motore non solo libera un generoso spazio interno, ma contribuisce agli ottimi risultati dei crash test, ed all’ottenimento delle 5 stelle Euro Ncap per la protezione degli occupanti adulti.
Il nuovo turbodiesel da 2.2 litri è più silenzioso ed efficiente, ed entrambe le sue versioni – da 150 e 190 cv – erogano una coppia superiore di 20 Nm a quella della precedente motorizzazione. La Freelander 2 TD4 4×4 con propulsore da 150 cv può essere dotata di una versione aggiornata della trasmissione manuale o automatica, entrambe a sei rapporti. La SD4 da 190 cv è disponibile invece soltanto con la trasmissione automatica. Entrambe le versioni diesel possono impiegare carburanti contenenti il 10% di biodiesel, e non più il 5% come in precedenza.
Il benzina 6 cilindri in linea è ancora la motorizzazione più potente della gamma Freelander 2 MY 2011, con una nuova taratura a norma Euro 5 ma con potenza (233 cv) e coppia (317 Nm) invariate. Questo 6 cilindri consente alla Freelander un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 8,9 secondi, con una velocità massima di 200 km/h.
Tutti i diesel con trasmissione manuale sono dotati dell’apprezzato sistema Stop/Start, che controlla costantemente la chiusura dell’acceleratore, diminuisce l’invio del carburante e spegne l’alternatore, per assicurare un arresto dolce del motore. Una particolare strategia del software, combinata con i sistemi perfettamente ottimizzati della Freelander, ne assicura altresì un riavvio altrettanto dolce. Come prima i componenti dell’avviamento sono stati migliorati per garantirne la durata per tutta la vita del veicolo. Questo comprende l’impiego di una corona heavy duty, di un nuovo volano frizione a doppia massa, batteria Agm con elettrolito assorbito da elementi spugnosi in fibra di vetro, e motorino di avviamento migliorato.
I numerosi perfezionamenti apportati alla trasmissione automatica Aisin Warner Awf21 di seconda generazione contribuiscono sostanzialmente all’incremento dell’efficienza ed alla riduzione delle emissioni. Il blocco del convertitore di coppia è operativo su una gamma di rotazione più ampia, a favore del comfort, dell’economia dei consumi e della guidabilità, mentre l’ottimizzazione dei componenti interni riduce peso ed inerzia consentendo cambi di marcia più rapidi. Anche i singoli componenti della trasmissione, compresi i cuscinetti a rulli conici ed i pacchi frizioni, sono stati oggetto di ottimizzazione. L’efficienza è stata altresì incrementata dal passaggio ad un fluido della trasmissione a bassa viscosità, mentre il nuovo sistema di controllo è più rapido e leggero. Il cambiamento più significativo è il controllo avanzato che “imita” la posizione Neutral della trasmissione quando il veicolo è fermo, il motore è al minimo e il cambio è in Drive. Il sistema non seleziona realmente la posizione Neutral, ma i carichi della trasmissione stessa sono sostanzialmente ridotti a vantaggio dei consumi e della raffinatezza. Gli ingegneri della Land Rover hanno inoltre rivisto la calibrazione della trasmissione per ridurre lo slittamento del convertitore di coppia. Restano invariate le caratteristiche del Terrain Response, mentre il Commandshift con funzione adattiva è disponibile su i6, TD4 e SD4 ma non sulla eD4 a due ruote motrici.
Le molte funzioni del Terrain Response sono sottese dagli alti livelli di rigidità della scocca, base delle ottime caratteristiche di maneggevolezza e comfort del veicolo, e delle sue prestazioni in fuoristrada.
Una piastra strutturale nel sottoscocca anteriore ottimizza la precisione dello sterzo oltre a proteggere la parte inferiore del veicolo, ed i quattro punti di fissaggio del motore ne migliorano la stabilità ed incrementano la raffinatezza.
La trasmissione manuale Getrag M66 a sei rapporti, sviluppata per la Freelander, equipaggia anche la TD4 e la eD4. L’unità a quattro alberi, robusta e compatta, trasmette la coppia tramite una frizione a cavo autoregistrante, come nel modello precedente.
Oggi la Land Rover offre ai propri clienti una scelta ancora più ampia, aggiungendo una versione 4×2 alla propria gamma di Freelander. La nuova Freelander 2011 eD4 rende il modello entry level della Land Rover accessibile ad una clientela più ampia, ad un prezzo assai competitivo. La eD4, che monta un turbodiesel da 150 cv con trasmissione manuale a sei rapporti e sistema Stop/Start, è una Suv completa, e presenta emissioni di CO2 pari a 158 g/km, il miglior valore presente nella gamma Land Rover.
In Italia la commercializzazione del Freelander 2 MY 2011 4×4 con i nuovi motori da 150 e 190 cv avrà inizio a ottobre 2010, mentre la versione eD4 (4×2) nel 2011. (ore 15:15)