Russelsheim – Insignia OPC, modello di punta del marchio Opel con una potenza di 239 kW/325 cv, è ora disponibile anche con trasmissione automatica a sei velocità. Questo modello a trazione integrale dalle prestazioni elevatissime garantisce una guida emozionante e una maneggevolezza ai massimi livelli, ma offre allo stesso tempo un ottimo rapporto qualità/prezzo. La nuova versione della berlina 4 porte è offerta sul a partire da 42.100 euro; la Sports Tourer da 43.100 euro, Iva inclusa.
Una centralina per il controllo attivo della trasmissione è collegata al telaio meccatronico FlexRide e adatta ammortizzatori e le altre funzioni di guida alle esigenze del guidatore. Il pilota può scegliere tra la modalità Standard, ideale per la guida di tutti i giorni, o la speciale modalità Sport, grazie alla quale le sospensioni si irrigidiscono riducendo il rollio per avere una maggiore agilità. Selezionando la modalità OPC, lo sterzo diventa più diretto, la risposta dell’acceleratore più rapida, e il telaio è in modalità ad elevate prestazioni. Per sottolineare ulteriormente le caratteristiche sportive, tutti gli indicatori si illuminano di rosso. La cambiata della trasmissione automatica OPC è regolata per aumentare il piacere di guida e, nelle modalità standard e sport, si adatta alle condizioni di guida prevalenti. La modalità OPC è ancora più sportiva: i punti di cambiata risultano al massimo dei giri durante le accelerazioni più brucianti, mentre le scalate sono molto dinamiche in caso di brusche frenate, per esempio prima di affrontare una curva.
Prestazioni di guida, consumi ed emissioni della versione con la nuova trasmissione sono praticamente identici alla versione dotata di cambio manuale. I modelli di Insignia OPC con cambio automatico accelerano da zero a 100 km/h in 6,3 – 6,6 secondi per la berlina o la Sports Tourer, e la velocità massima (limitata) per tutti i modelli è di 250 km/h. Con il nuovo cambio, consumi ed emissioni di CO2 nel ciclo combinato sono pari a 10,7 l/100 km e 251 g/km (berlina a 4) e a 11,0 l/100 km e 259 g/km (Sports Tourer).
Come per tutti i modelli OPC, è stato condotto un test specifico, della lunghezza di ben  10.000 km, sul circuito del Nurburgring, la famosa Nordschleife, per regolare in maniera ottimale la nuova versione della trasmissione. Percorrere 10.000 chilometri ad alta velocità sulla Nordschleife costituisce un fattore di stress per la vettura pari a 18 volte: ossia circa 180.000 km di guida su strade normali.
<<I nostri clienti hanno espresso di frequente il desiderio di una versione con il cambio automatico – spiega Michael F. Meyer, responsabile marketing di prodotto di Adam Opel GmbH – Abbiamo soddisfatto questa richiesta ampliando l’offerta di Insignia OPC con questa alternativa, a un prezzo molto interessante>>.
Le reazioni di media e appassionati sono ugualmente positive. Nell’autunno 2010, la Opel Insignia OPC Sports Tourer ha vinto per la seconda volta di seguito il premio “Best Sports Car of the Year”, organizzato da Auto Bild SportsCars, una pubblicazione affiliata alla rivista automobilistica tedesca Auto Bild. Circa 68.000 lettori hanno votato il loro modello preferito tra oltre 170 veicoli. La Sports Tourer ha dominato la categoria delle station wagon, relegando i concorrenti dei marchi premium tedeschi al secondo posto o più in basso.
<<Insignia sta ottenendo risultati importanti che ci rendono orgogliosi di questo modello: infatti è il veicolo con il minor numero di difetti, secondo i risultati del Rapporto Dekra 2011 sull’affidabilità delle auto. Con un indice del 96,1% di Insignia prive di difettosità, l’ammiraglia Opel ha raggiunto il miglior risultato tra tutte le vetture prese in considerazione. Risultato che ci viene confermato anche dai nostri clienti, che hanno preferito Insignia, facendole raggiungere una quota di assoluta leadership del 16,85% con oltre 1.400 immatricolazioni nel mese di novembre>>, ha dichiarato  Roberto Matteucci, amministratore delegato di Opel Italia. (ore 15:50)

NO COMMENTS

Leave a Reply