Suzuki Swift Sport

Suzuki Swift Sport

La Swift è arrivata alla quarta generazione (la prima Swift è arrivata  in Europa nel 1983, la seconda nel 1989). La terza generazione del 2004 completamente rinnovata venne indicata come l’anti Mini, probabilmente per alcune somigliaze estetiche. Nel 2006 ha debuttato la Swift Sport alla quale, dopo la quarta generazione di Swift  del 2010, Suzuki ha dato un seguito in anteprima mondiale al Salone di Francoforte dell’ottobre scorso ed ora con il debutto sul mercato (in Italia proprio nel corso di questo mese).
La  nuova Swift Sport, prodotta nello stabilimento che Suzuki ha in Ungheria, a Esztergom, si riporpone con un equipaggiamento di serie tipico del target giovanile cui si rivolge, non solo per età ma per il modo di “sentire” questo tipo di auto: eleganti sedili sportivi, moderni pedali in acciaio inox, vetri elettrici, volante in pelle, climatizzatore automatico, cruise control con comandi al volante, impianto Hi-fi con lettore
Cd/Mp3 con porta Usb e Bluetooth integrato, 6 speakers, volante con comandi audio integrati, fari allo xeno con sensori di luminosità, fendinebbia, specchietti laterali richiudibili elettricamente e riscaldati, cerchi in lega da 17 pollici, scarico sportivo sdoppiato, spoiler posteriore e laterali in tinta. Corredo al quale si abbina un’ampia gamma di colori che comprende il grigio scuro metallizzato, il nero metallizzato, il blu kashmir metallizzato, il bianco ghiaccio metallizzato e il rosso passione metallizzato.
Ovviamente un’auto che è già per definizione Sport non può che puntare sul “cuore” per dare riscontro a quella che è allo stesso tempo ambizione e vocazione. Il motore 1.6 16 valvole benzina è un’evoluzione del motore montato sulla versione precedente del modello. La struttura base a 4 cilindri è la medesima, ma la potenza massima arriva a 100 kW (+ 8kW rispetto alla versione precedente) 136 cv e la coppia massima arriva a 160 Nm (148 Nm nella versione precedente) aumentando le prestazioni del motore a tutti i regimi di utilizzo. Le maggiori performance sono state raggiunte anche grazie all’ottimizzazione del Vvt installato sull’asse a camme, al sistema di aspirazione a geometria variabile e all’aumento dell’alzata delle valvole. Conseguentemente i consumi si sono ridotti da 7.0 a 6.4 litro/100km e i livelli di emissioni di CO2 sono scesi a 147 g/km (-9% rispetto alla versione precedente). Una finitura curata delle superfici dei condotti di aspirazione a lunghezza variabile e la nuova parametrizzazione dei tempi di apertura delle valvole di aspirazione e relative alzate, hanno migliorato il riempimento dei cilindri. Ai regimi di rotazione medio/bassi, la lunghezza dei condotti è massima determinando così valori di coppia migliori. Quando invece il motore lavora ad un regime di giri elevato viene ridotto considerevolmente il percorso dell’aria verso i cilindri favorendo così l’efficienza volumetrica a alti regimi.
Il nuovo cambio manuale a sei marce (la versione precedente era a 5 marce) sviluppato in esclusiva per la Swift Sport si sposa perfettamente con le caratteristiche della nuova versione del motore 1.6 benzina, con ottima ripresa dai bassi regimi. Al medesimo chilometraggio i livelli del consumo di carburante e delle emissioni di CO2 si riducono significativamente. Usando il nuovo triplo sincronizzatore per la prima e la seconda marcia si riducono i tempi di innesto marcia per un maggior comfort di guida.
Nuova Suzuki Swift Sport ha un peso a vuoto di 1.045 kg che, nonostante il maggior equipaggiamento e le maggiori dimensioni, è aumentato di soli 15 kg rispetto alla versione precedente, rendendola una delle vetture più leggere del suo segmento. Con l’incremento di potenza massima, il rapporto peso/potenza è migliorato passando dai precedenti 11.2 agli attuali 10.5 kg/kW.
Anche l’assetto è stato modificato. I progettisti Suzuki ne hanno ottimizzato ancora di più le caratteristiche, migliorando i valori di convergenza e di camber; aumentando la rigidità torsionale del ponte torcente posteriore, dei silent bloc e dei cuscinetti maggiorati delle ruote posteriori, che assicurano la stabilità del retrotreno in condizioni di alta velocità e aumentano la piacevolezza di uno stile di guida sportivo. I valori più elevati del coefficiente di elasticità delle molle elicoidali anteriori (+30%) e posteriori (+15%) e l’aggiunta di una molla supplementare anteriore, aumentano significativamente la stabilità contrastando efficacemente il già contenuto rollio (-15%). Le sospensioni anteriori (McPherson) e lo sterzo convergono al fine di aumentare la velocità di risposta nei cambi di direzione e la stabilità in curva. I cerchi in lega di alluminio da 17 pollici e gli pneumatici da 195/45 R17 di serie, sono stati sviluppati specificatamente e contribuiscono al miglioramento del controllo e della stabilità della guida e forniscono, inoltre, una riposta più precisa ai cambi di direzione e aumentando l’agilità della vettura.
Per quanto riguarda i ritocchi estetici il frontale ha una linea pulita, dominata da un’ampia griglia anteriore; i fari fendinebbia, con le caratteristiche cornici alettate, e i fari allo xeno, dal rivestimento grigio-metallico, dotati di sensori di luminosità, evidenziano il carattere distintivo della vettura. I montanti A e B, di colore nero, lo spoiler posteriore, integrato in modo armonioso e le “minigonne” sottolineano il look sportivo di Swift Sport. Il design sinuoso dei fanali posteriori ben si abbina al nuovo scarico sdoppiato che conferisce alla vettura uno stile aggressivo. Nell’insieme i particolari aerodinamici consentono un miglior controllo dei flussi d’aria contribuendo alla efficienza aerodinamica di Swift Sport.
Il carattere sportivo di Swift Sport si manifesta anche all’interno della vettura. Il profilo dei confortevoli sedili anteriori, con la seduta e lo schienale avvolgenti, offre il massimo sostegno in curva, dando al pilota la giusta sensibilità sul comportamento della vettura. Le impunture rosse dei sedili, del volante e del pomello del cambio, gli elementi decorativi in una piacevole gradazione alluminio, la presenza dei pedali in acciaio inox, contribuiscono a conferire un aspetto sportivo ed al contempo raffinato. Il design interno dell’abitacolo è ordinato ed elegante. La plancia strumenti a cinque quadranti convince per la razionalità della strumentazione e per la funzionale disposizione dei comandi. La cura dei dettagli si rivela anche nei profili color silver dei quadranti; il display a cristalli liquidi, posizionato centralmente, visualizza le principali informazioni di guida permettendo un controllo dei dati in modo chiaro e rapido; il volante in pelle multifunzione a tre razze ha inclinazione e profondità regolabili e integra i comandi dell’impianto hi-fi per consentire maggior comfort e sicurezza di guida.
Sicurezza ai massimi livelli: Abs con Ebd; Esp,  Electronic Stability Control; 7 airbag di serie (2 frontali, 2 laterali, 2 tendina, 1 per le ginocchia del guidatore); scocca ad assorbimento degli urti già premiata con le 5 stelle EuroNcap nella versione standard; impiego del sistema di progettazione “Suzuki’s Total Effective Control Technology” (Tect) e elevato utilizzo di acciai alto resistenziali; attacchi Isofix presenti sui sedili posteriori per una maggior sicurezza nel trasporto dei bambini. (ore 17:40)

NO COMMENTS

Leave a Reply