Ingolstadt – Audi ha sottoposto a restyling la gamma A4 per renderla ancora più accattivante. Con nuove soluzioni di trasmissione, assetto e infotainment e con un design ancora più attraente la A4 berlina, la A4 Avant, la A4 allroad quattro e le S4 dimostrano l’avanguardia della tecnica Audi.
La A4 è la bestseller di casa Audi e, giunta ormai alla ottava generazione, costituisce il cuore del marchio. In oltre 39 anni sono stati circa dieci milioni gli esemplari prodotti tra Audi A4 e Audi 80, sua progenitrice. Ora il modello si presenta rinnovato in tutte le varianti: berlina, Avant, A4 allroad quattro e S4.
Il design è più lineare e deciso. Le linee orizzontali del frontale sono più accentuate, e il cofano motore è più bombato. Gli angoli superiori della calandra single-frame sono smussati, gli elementi trasversali e gli anelli Audi risaltano nella loro tridimensionalità. A seconda della versione, la calandra è grigia o nera. Nel nuovo paraurti spiccano le prese d’aria dalla linea geometrica con le nuove griglie d’aerazione e, per le versioni berlina e Avant, i fendinebbia piatti. Anche i fari sono stati ritoccati e presentano un bordo inferiore ondulato e una struttura interna rinnovata. Nei fari xeno plus (optional) le luci diurne in tecnologia Led danno vita a un profilo elegante. A richiesta sono disponibili fari direzionali adattivi e luci di svolta dinamiche. I gruppi ottici posteriori riprendono la linea dei fari anteriori e, a richiesta, sono disponibili con fasce di Led. È nuovo anche il design del paraurti con inserto diffusore. La gamma vernici prevede 15 colori, tra cui sei nuove tonalità. Per la berlina e la Avant è disponibile anche il pacchetto S line exterior.
L’abitacolo risulta ancora più raffinato. È disponibile un’ampia gamma di volanti dal design rinnovato; il volante sportivo in pelle è disponibile anche con la corona appiattita nella parte inferiore. Molti comandi hanno finiture cromate, mentre sono state rielaborate la leva sul piantone dello sterzo e la
chiave d’accensione.
Il restyling ha interessato anche l’ergonomia: il numero dei tasti del sistema di navigazione Mmi plus è stato ridotto a quattro; alla manopola di regolazione del volume è stata aggiunta una funzione Skip. Altri miglioramenti riguardano i comandi del cambio automatico, del riscaldamento e della climatizzazione dei
sedili, del sistema “Audi drive select” e del volante in pelle multifunzione.
In Audi l’eccellente qualità delle finiture va di pari passo con una scelta attenta e precisa dei colori e degli inserti. Tutti i colori degli interni, a eccezione del nero, sono nuovi. Anche il programma dei rivestimenti è stato aggiornato, con la pelle Nappa fine che sostituisce la pelle Valcona.
La nuova mascherina sul quadro strumenti, costituita da un unico elemento, è abbinata al colore degli interni. Sono disponibili inserti in alluminio Trigon, radica di noce marrone scuro, frassino naturale e quercia Beaufort (multistrato impiallacciato). Nel pacchetto sportivo S line, disponibile per la berlina e la Avant,
gli interni sono neri e impreziositi da eleganti applicazioni. Completano il pacchetto cerchi da 18 pollici e un assetto sportivo con carrozzeria ribassata di 30 millimetri.
Una delle conseguenze del restyling della Audi A4 è la riduzione dei consumi: in media sono diminuiti dell’11% nonostante molti motori abbiano incrementato potenza e coppia. Per quanto riguarda le versioni berlina e Avant, sono disponibili rispettivamente sei motori Tdi e quattro motori a benzina, mentre sono
tre i propulsori riservati alla allroad quattro. Tutti sono sovralimentati a iniezione diretta dalla grande capacità di ripresa; il sistema Start&Stop è di serie in tutte le versioni.
Il Tdi a quattro cilindri di due litri di cilindrata è disponibile in cinque versioni, tre delle quali utilizzano un volano a doppia massa con nuovo pendolo centrifugo che rende ancora più regolare e silenzioso il funzionamento ai bassi regimi, consentendo di anticipare il passaggio alla marcia superiore.
La versione più parca è la Audi A4 2.0 Tdi 136 cv (100 kW). La berlina consuma in media 4,2 litri ogni 100 chilometri, pari a emissioni di CO2 di 112 grammi al chilometro. L’altrettanto efficiente A4 2.0 Tdi 163 cv (120 kW) consuma 4,4 litri di gasolio ogni 100 km (CO2: 115 g/km).
Fanno parte della gamma motori altri tre Diesel a quattro cilindri che erogano una potenza massima di, rispettivamente, 120 cv (88 kW), 143 cv (105 kW) e 177 cv (130 kW) e che sono disponibili anche per la allroad quattro (tranne il 120 cv).
Completano la gamma due V6 Tdi. Il 3.0 Tdi 204 cv (150 kW, non disponibile per la A4 allroad quattro) è il sei cilindri più efficiente nella sua categoria; nella A4 berlina consuma mediamente solo 4,9 litri di carburante ogni 100 chilometri. Nella seconda variante il 3.0 Tdi, di cui seguirà anche una versione clean diesel, eroga una potenza di 245 cv (180 kW).
Anche per quanto riguarda i motori a benzina la gamma A4 rispecchia lo stato dell’arte. Una novità è il 1.8 TFSI, disponibile per le versioni berlina e Avant. Il quattro cilindri presenta molte innovazioni che riguardano il sistema di gestione delle valvole e della loro corsa, l’innovativo sistema di gestione termica, l’impianto d’iniezione, il turbocompressore e l’integrazione del collettore di scarico nella testata.  Il 1.8 Tfsi eroga una potenza di 170 cv (125 kW) e sviluppa una coppia di 320 Nm. Tuttavia, nella A4 berlina consuma in media solo 5,6 litri ogni 100 chilometri (CO2: 134 g/km): un altro record in questa classe. In un secondo
momento seguirà il 1.8 Tfsi 120 cv (88 kW). Il 2.0 Tfsi, unico motore a benzina disponibile anche per la A4 allroad quattro, ha una potenza massima di 211 cv (155 kW). Il top di gamma è il 3.0 Tfsi. Nella A4 il V6 con sovralimentazione meccanica, che verrà introdotto in un secondo momento, eroga 272 cv (200 kW)
di potenza massima; nella S4 eroga, invece, 333 cv (245 kW).
Tipica per Audi è l’ampia gamma di sistemi di trasmissione disponibili per la famiglia A4. I modelli berlina e Avant con trazione anteriore montano, di serie, cambio meccanico a sei marce; il cambio multitronic a variazione continua è disponibile come optional nella maggior parte delle versioni. Le varianti quattro
sono abbinate al cambio meccanico o, a partire dal 2.0 Tdi 177 cv (130 kW), al cambio S tronic a sette rapporti. La A4 allroad quattro è equipaggiata con cambio manuale o S tronic in tutte le versioni di motorizzazione. Nelle motorizzazioni a quattro cilindri i cambi meccanici fanno parte dell’innovativa gestione dell’energia termica: il sistema riduce la fase di riscaldamento del cambio, che è responsabile delle maggiori perdite per attrito. Tutti i cambi si contraddistinguono per l’ampia spaziatura dei rapporti; il rapporto lungo nelle marce più alte riduce i consumi, mentre il rapporto corto nelle marce inferiori va a tutto vantaggio del dinamismo.
La trazione integrale permanente quattro è di serie per la A4 allroad quattro, mentre nelle versioni berlina e Avant è disponibile a partire dalla motorizzazione 2.0 Tdi 143 cv (105 kW). Le si affianca il “torque vectoring”, una soluzione software, che provvede ad effettuare interventi frenanti impercettibili. Per i modelli V6 quattro è disponibile, inoltre, il differenziale sportivo, che ripartisce la forza motrice tra le ruote posteriori in base al fabbisogno.
L’autotelaio della nuova A4 sfoggia precisione sportiva, comfort di rotolamento e sicurezza. Di nuova taratura sono i supporti dei bracci delle sospensioni posteriori e gli ammortizzatori. Il servosterzo elettromeccanico, una novità per la A4, fornisce un feedback preciso. Non consumando energia in rettilineo, il sistema contribuisce a ridurre i consumi di 0,3 litri ogni 100 chilometri, che equivalgono a 7 g/km di emissioni di CO2 in meno.
Un’altra caratteristica high-end, che rende la A4 unica nella sua categoria, è il sistema “Audi drive select”. Nella configurazione base permette al guidatore di scegliere tra quattro impostazioni che definiscono la curva caratteristica dell’acceleratore, i punti di innesto del cambio automatico, il servosterzo e il climatizzatore automatico. In abbinamento al sistema di navigazione è disponibile anche una modalità supplementare liberamente programmabile. Completano l’“Audi drive select” alcuni moduli, disponibili come optional, tra cui l’“adaptive cruise control” o l’impianto di regolazione della velocità, il differenziale
sportivo per le versioni di punta, l’autotelaio con sistema di regolazione degli ammortizzatori e lo sterzo dinamico. Quest’ultimo varia il rapporto di trasmissione in modo continuo a seconda della velocità di marcia; nelle situazioni limite compensa con piccoli interventi eventuali accenni di sottosterzo o sovrasterzo. A richiesta sono disponibili anche due versioni di assetto particolarmente sportive. Tutti i modelli a trazione anteriore sono dotati di programma elettronico di stabilizzazione (Esp) con meccanismo elettronico di bloccaggio trasversale. Ad andature dinamiche esso migliora ulteriormente l’handling e la sicurezza, frenando con interventi minimi la ruota anteriore interna alla curva che ha perso aderenza.
A seconda delle motorizzazioni possono avere formati da 16 e 17 pollici; gli pneumatici 205/60 o 225/50 hanno resistenza al rotolamento ottimizzata. La A4 3.0 Tfsi monta cerchi da 18 pollici e pneumatici di dimensioni 245/40. Tra gli optional figurano cerchi con misure fino a 19 pollici e pneumatici 255/35. Per la
A4 allroad quattro sono disponibili quattro design specifici.
Audi ha reso disponibili per la famiglia A4 numerosi sistemi d’assistenza, il più recente dei quali è di serie in tutte le versioni: si tratta del sistema di informazione per il conducente con consiglio di pausa, che, sulla base dei movimenti dello sterzo e di altri parametri, riconosce quando il guidatore è stanco e suggerisce di effettuare una sosta. Il sistema d’assistenza più complesso in questa gamma di modelli è l’“adaptive
cruise control”, il sistema radar che mantiene sempre la A4 alla giusta distanza dal veicolo antistante. A velocità inferiori a 30 km/h effettua una frenata a fondo in caso di rischio di tamponamento. L’“Audi active lane assist” aiuta il guidatore a rimanere entro la propria carreggiata, mentre l’“Audi side assist” monitora la zona retrostante per rendere più sicuri i cambi di corsia.
Nella gamma A4 Audi propone un intero sistema modulare di moderni elementi d’infotainment. La radio Chorus con lettore cd e otto altoparlanti è di serie; la punta di diamante del programma degli optional è costituita dal sistema di navigazione Mmi plus con disco fisso di grandi capacità, monitor a colori, grafica
3D e lettore Dvd. Il sistema è stato ulteriormente migliorato dal punto di vista dei comandi vocali e della ricezione radiofonica digitale (optional). Completa il sistema di navigazione Mmi plus il telefono veicolare Bluetooth online, che permette di accedere a particolari servizi tra cui la ricerca di destinazioni speciali tramite Google con comando vocale o la navigazione con Google Earth e Street View di Google. Tutto questo va sotto il nome di “Audi connect”. Un altro dei servizi disponibili è il servizio Audi online di informazioni sul traffico, che fornisce informazioni aggiornate sulle condizioni di viabilità dell’itinerario scelto. Grazie all’hotspot (Wlan), un’altra caratteristica del telefono veicolare Bluetooth online, i passeggeri possono navigare in Internet e accedere alla posta elettronica dai loro dispositivi mobili.
La Audi S4, disponibile nelle versioni berlina e Avant, vanta il motore più potente della gamma: il 3.0 Tfsi 333 cv (245 kW) con 440 Nm di coppia. Nella versione berlina i consumi medi si attestano a 8,1 litri ogni 100 chilometri a fronte di prestazioni sportive: la S4 scatta da 0 a 100 km/h in 5,0 secondi e raggiunge la
velocità massima (limitata elettronicamente) di 250 km/h.
Il restyling della S4 è riconoscibile anche dalle modifiche ai fari, ai paraurti, alle prese d’aria e ai colori carrozzeria. Anche nell’abitacolo sono stati rivisti alcuni dettagli. Tra le principali innovazioni tecniche vi sono la trazione quattro con “torque vectoring” e il servosterzo elettromeccanico. Il telaio sportivo S e i cerchi da 18 pollici massimizzano l’aderenza della S4 alla strada. (ore 15:00)